Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Il suo padrone ha un infarto, per il cane sono giorni di solitudine

Cane-su-tavolino-rosso dog-sad

Un veterinario come angelo custode.

© Facebook @kleintierpraxis.hoeptner

Nel giro di poche ore, il cagnolino protagonista di questa storia vede il suo mondo crollare. Senza più un proprietario, è estremamente triste.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 13/01/21, 13:29, aggiornato il 08/02/21, 15:38

Tutto inizia la prima settimana dello scorso dicembre quando, durante una semplice passeggiata nei pressi di Mülheim an der Ruhr, in Germania, la vita di un cane anziano cambia radicalmente.

La sua unica proprietaria viene colta da un grave infarto e muore sul posto.

Rimasto per la seconda volta orfano, l’animale viene quindi portato in un rifugio per animali.

Un angelo per medico

Perdere un padrone o essere abbandonati è sempre un grande dolore per un animale, tuttavia lo è ancor di più se l’esemplare è anziano.

Dopo 14 anni passati insieme alla sua fedele proprietaria quindi, per il protagonista di questa storia è un vero choc ritrovarsi da solo.

Notando quanto fosse docile e affettuoso, il medico veterinario del rifugio Christoph Hoptner decide allora di fare qualcosa per questo animale: pubblica le foto dell’esemplare sul suo account Facebook e racconta la sua storia.

 

Herrchen gesucht! Der 14 Jährige Mischling (24kg). Die Besitzerin ist während einem Spaziergang an einem Herzinfarkt...

Posted by Dr. Christoph Höptner - Fachtierarzt für Kleintiere on Monday, December 14, 2020

Con grande sorpresa il post viene condiviso oltre 4 mila volte in soli due giorni e diversi utenti si manifestano per richiedere l’adozione.

L’imbarazzo della scelta

Sono stati in tanti gli abitanti delle città limitrofe ad aver chiesto di poter vedere il cane.

Nei giorni successivi alla pubblicazione dell’appello, con l’aiuto dei volontari il dottor Hoptner ha quindi ricevuto diverse visite e valutato tra i vari profili quale potesse essere quello più adatto al cagnolone anziano.

A questo punto non possiamo che ringraziare quest’uomo che, grazie alla sua grande bontà ed alla passione per gli animali, ha aiutato il cane a trascorrere i suoi ultimi anni di vita in una casa accogliente piuttosto che in un canile.