Shopping per i pet? Passa da qui!

Pubblicità

Adottano uno Chow Chow, ma l'allevatore nasconde un segreto

Cucciolo di Chow Chow dog-angry

Uno Chow Chow ha gravi problemi.

© Facebook @Dogs Trust

Una famiglia, dopo tante ricerche, contatta un allevatore di Chow Chow, che gli consegna il cucciolo in un asciugamano. Ma qualcosa non va.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 15/01/21, 07:04, aggiornato il 08/02/21, 15:38

Una famiglia inglese voleva adottare uno Chow Chow, ma quando l'allevatore li ha raggiunti per consegnare il cucciolo, si sono accorti che qualcosa non andava.

Il piccolo era avvolto in un aciugamano e quando lo hanno messo a terra hanno notato subito una difficoltà alla zampa anteriore. Il cane era malato e andava operato o addormentato.

 

Una vera truffa

La famiglia inglese, prima di rivolgersi a questo allevatore, aveva fatto tante ricerche su internet. Fino a che non si era imbattura in Gus, un cucciolo di Chow Chow che era perfettamente in linea con ciò che cercavano.

Così, dopo aver preso accordi, sono stati raggiunti dall'allevatore, che portava Gus in braccio, avvolto da un asciugamano. Presto, però, il cucciolo ha mostrato gravi problemi a una delle zampe anteriori.

Alle proteste della famiglia, l'allevatore è sparito e non ha voluto saperne di riprendersi il cucciolo. 

Un intervento necessario

A quel punto la famiglia ha portato Gus dal veterinario e la diagnosi è stata scioccante: la zampa era piena di ulcere e andava amputata. Non c'erano altre alternative se non quella dell'eutanasia.

La famiglia non voleva proprio che Gus morisse, ma non aveva neppure le disponibilità economiche per affrontare quel genere di intervento. Così si è rivolta ai veterinari della Basildon Rehoming Center, che hanno fatto la stessa diagnosi.

Fortunatamente, a salvare Gus, sono arrivati i volontari del Dogs Trust, che hanno preso subito in carico la situazione. Il cucciolo è stato operato e sta bene. Ora deve solo imparare a vivere con una zampa in meno, ma ogni giorno migliora sempre di più.

 

Gus was just eight weeks old when he was bought online. It didn’t take long for his new owners to realise there was a...

Posted by Dogs Trust on Friday, December 18, 2020