Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Punti di sutura nel corpo e nel cuore: la storia di Buster

primo-piano-di-cane-marrone-triste dog-sad

Se Buster potesse parlare, avrebbe molto di cui lamentarsi.

© Shutterstock

I volontari di un rifugio per animali spagnolo hanno incontrato uno dei casi più difficili che hanno affrontato. Scopriamo la triste storia di Buster.
 

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 24/01/21, 14:10, aggiornato il 08/02/21, 15:38

Per la maggior parte di noi, il 2020 sarà un anno da dimenticare. Un giorno verrà sicuramente studiato nei libri di storia, ma per ora è ancora troppo presente per essere visto solo come un ricordo.

Mentre il mondo persegue la sua lotta contro il Coronavirus, le associazioni e i rifugi di tutto il mondo hanno continuato a combattere contro un'altra avversità, ma incurabile: la cattiveria umana.

Pieno di ferite e paralizzato dalla paura

Siamo in Spagna, al Rifugio San Jorge di Cáceres. Nelle sue modeste strutture, viene recuperato il buon vecchio Buster, un cane meticcio, un vero invisibile, arrivato nelle peggiori e immaginabili condizioni.

Basta guardare le fotografie per rendersi conto di quanto ha sofferto. Letteralmente il suo muso (e parte della sua testa) era distrutto, pieno di ferite.

Non si sa come e perché, forse un calcio, un colpo, un incidente...

In ripresa ma con un futuro incerto

Nessuno sa da dove provenga. Essendo nelle condizioni in cui si è sfortunatamente trovato, possiamo dire che la sua vita fino ad ora è stata triste e difficile.

Con l'aiuto finanziario che riceve il rifugio, i dipendenti della struttura stanno facendo fronte alle spese veterinarie per il cagnolino. E Buster ha mostrato forza e voglia di vivere quando finalmente ha ricevuto una mano.

Quando sarà pronto, Buster non camminerà mai più per le strade da solo perché si sta cercando per lui una famiglia che possa guarire le sue ferite emotive.