Shopping per i pet? Passa da qui!

Pubblicità

Cagnetta incatenata giorno e notte sul balcone: e il suo padrone ride

Fortunatamente, una vicina ha allertato un'associazione per la protezione degli animali dopo aver notato che la cagnetta viveva costantemente sul balcone.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 14/02/21, 14:39

Quella che raccontiamo oggi è purtroppo la storia molto triste di una cagnetta di appena 5 mesi che ha vissuto in balcone dal giorno in cui ci è arrivata fino a quando non è stata recuperata da un'associazione.

Addirittura il suo padrone non si era nemmeno degnato di darle un nome. È stata Action Protection Animale che, dopo averla salvata, l'ha chiamata Foxy.

L'associazione ha anche accertato che la cagnetta non era mai stata portata dal veterinario. Quindi la povera Foxy non aveva mai messo piede fuori da quel balcone.

Una situazione drammatica

«Action Protection Animale ha ricevuto una segnalazione da una vicina che ha notato che Foxy viveva notte e giorno, con il freddo e con la pioggia, sul balcone», spiega Nicole Quichot, attivista e volontaria francese nella protezione animale, in un lungo messaggio su Facebook.

E come se ciò non bastasse Foxy è stata legata con un guinzaglio, il che ha ulteriormente ridotto il suo spazio vitale. Naturalmente, il suo proprietario non si preoccupava né di pulire i suoi bisogni né di darle da mangiare regolarmente.

La neve, divertimento per tanti, un incubo per Foxy

Action Protection Animale è intervenuta all'indomani di una nevicata a Neuilly-sur-Marne, nella regione di Parigi.

Mentre ci si divertiva nel parco della residenza, al primo piano, invece, si trovava un cane dimenticato, che neanche si lamentava. Cercava solo di sopravvivere a quelle fredde temperature.

«La neve avrebbe dovuto essere una bella scoperta per Foxy invece le rimarrà il ricordo legato al dolore delle ustioni dovute al congelamento», dice Nicole.

È sorprendente che la cagnolina sia sopravvissuta a tali temperature e al maltempo. Ma questo prova che Foxy è una vera guerriera.

Una cagnetta piena d'amore

Il giorno in cui è stata salvata dai volontari dell'associazione, Foxy ha seguito i suoi angeli custodi senza la minima esitazione, felice di essere finalmente libera: «Corre, salta, è felice, ci chiama, si strofina, si rotola... È incredibile», si rallegra la volontaria.

È grazie a questi momenti di felicità che i volontari trovano l'energia per investirsi così tanto ogni giorno.

... e un padrone ignobile

Quanto al proprietario, lungi dall'essere imbarazzato dal maltrattamento inflitto al cane, «ride, tutta questa situazione lo diverte», dice Nicole.

Ha anche confermato, senza il benché minimo scrupolo, che Foxy viveva sempre fuori in balcone, e confessato di non sapere nulla di lei tranne il fatto che l'avesse comprata non lontano da casa.