Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Abbandona il cane in un parco: la scusa fa insorgere la rete

cane-abbandonato-su-una-panchina-del-parco dog-angry

Questo cucciolo è stato ritrovato legato ad una panchina.

© Facebook @Iñaki López Fernández

Qualche giorno fa l'immagine di un cagnolino legato ad una panchina di un parco ha fatto insorgere la community di Facebook. Ecco cosa è successo.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 14/03/21, 18:09

La fotografia non può esprimere più tristezza. Qualcuno l'ha scattata la mattina (fredda) del 23 febbraio in un parco di Langreo, nelle Asturie, nel nord della Spagna. Erano le otto del mattino quando il cagnolino della fotografia è stato visto legato alla panchina del parco tutto solo.

Qualche ora dopo l'animale è stato accolto dal rifugio per cani di Langreo. Infatti, lo avevano abbandonato proprio in quel modo. Una volta postata la foto, su Facebook è scoppiata la polemica.

Spaventato e infreddolito

Il cagnolino, un meticcio di 6 mesi, si è lasciato avvicinare e accarezzare da coloro che lo hanno salvato. Ma era innegabilmente agitato e, per alcune ore, non ha smesso di tremare per il freddo e la paura.

Mentre l'animale veniva accolto nel rifugio, gli utenti del social network si scatenavano alla ricerca della persona responsabile dell'abbandono.

Ore dopo, Naiara Suarez Sanchez ha pubblicato un commento che rivelava alcuni dettagli dell'accaduto anche se il racconto del proprietario è un po' confuso:

«.... L'ho dato ad una ragazza perché non potevo occuparmene la mattina (...) Mi hanno chiamato dal rifugio dicendomi che il cane era lì e la ragazza a cui l'ho dato mi ha detto che era scappato».

Una storia molto contorta

A tutti è sembrato strano il fatto che il cane fosse scappato quando era legato con il guinzaglio ad una panchina. Il proprietario del cane ha continuato a dire:

«Il personale del rifugio mi ha detto che non posso riaverlo prima di 10 giorni perché non ha il chip. Appena sarà dato in adozione tornerà a casa da me e se ne occuperà qualcuno della famiglia (...) Sto piangendo da giorni perché non posso riaverlo prima».

Una storia non ancora conclusa

Ancora non sappiamo se il proprietario è stato in grado di recuperare il cane.  

Nei commenti del post dell'Albergue Canino de Langreo, in molti chiedono al rifugio come sono andate a finire le cose. E, allo stesso tempo, tante persone hanno mostrato interesse ad adottare il cucciolo.

I volontari hanno voluto far sapere questo:

«Speriamo che tutto si risolva nel modo migliore per il cane sperando che non debba mai più vivere un'esperienza simile. È molto importante che tutti ci rendiamo conto dell'importanza di identificare i nostri cani».
Se vuoi adottare un cane o un gatto in un rifugio, visita la nostra rubrica Adozione. Dai loro una seconda possibilità!