Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Covid-19: primo caso in Piemonte di variante inglese su un gatto

gatto-sorpreso-positivo-al-covid cat-serious

Covid-19: variante inglese riscontrata su gatto.

© Ihtar / Pixabay

In Piemonte si è registrato il primo caso in Italia di variante inglese del Covid-19 in un gatto domestico. Un risultato inaspettato, certo, ma non allarmante.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 19/03/21, 11:15

È stato identificato nel Novarese il primo caso di gatto positivo alla variante inglese del Coronavirus.

A scoprirlo è stato l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte Liguria e Valle d'Aosta su un gatto maschio di circa 8 anni di età che vive nel Novarese con i proprietari.

Gatto positivo alla variante inglese del Covid-19

Come riporta un giornale locale, i sintomi respiratori del felino sono apparsi una decina di giorni dopo la comparsa della patologia dei suoi padroni.

Grazie all'intervento tempestivo del Servizio Veterinario dell'Asl di Novara che ha inviato i campioni del test all’IZSPLV, è stata diagnosticata la positività al Covid-19 e la presenza della variante inglese.

Sia il gatto che i suoi proprietari, che si trovano in isolamento domiciliaire, sono adesso in via di guarigione.

In collaborazione con la Regione Piemonte e il Ministero della Salute, l'Istituto Zooprofilattico si sta occupando di approfondire il delicato caso.

«Stiamo eseguendo ulteriori accertamenti - spiega Angelo Ferrari, direttore generale dell’Istituto - per verificare se si tratti della stessa variante».

Covid-19 negli animali: nessun rischio per l'uomo

Secondo recenti studi e in merito alle affermazioni dell’Oms (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) la positività degli animali domestici al Coronavirus umano non è da considerarsi come una fonte di contagio per l'uomo.

«Non c’è alcun allarme - rassicura Ferrari -. Il dato certo e confortante è che la malattia è passata dai proprietari al gatto. Dal punto di vista clinico e virale il micio è in via di guarigione».

In pratica, gli animali possono contrarre il Covid-19 ma non giocano un ruolo nella diffusione agli umani, rappresentano solo un semplice veicolo di contagio, come qualsiasi altra "superficie".

Coronavirus del cane e del gatto: un virus diverso da quello umano