I pet fanno bene davvero? Rispondi!

Pubblicità

Compra un cucciolo meno caro, ma l'allevatrice l'inganna

cucciolo-di-bassotto-nero-nella-cuccia dog-angry

Una donna è stata ingannata in modo subdolo da una allevatrice di cani di razza Bassotto in California. Ecco quello che è accaduto.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 28/03/21, 14:19, aggiornato il 23/06/21, 17:01

Nell'ottobre 2020, Sydney Saltzman ha comprato una cagnolina da Doreen Biasi, un'allevatrice di cani Bassotti della California, per 2.000 dollari, quando il prezzo iniziale era di 8.000.

Ha ottenuto uno sconto di 6.000 dollari accordando però in cambio all'allevatrice il mantenimento dei diritti di riproduzione della cagnolina per cinque anni.

Niente è andato come previsto

Il New York Post racconta che Sydney ha portato a casa la piccola Orly, una cucciola di Bassotto, nel novembre 2020 e il 29 gennaio di quest'anno ha prestato Orly all'allevatrice per la riproduzione secondo quanto stabilito dai termini del loro contratto.

Purtroppo, niente è andato secondo gli accordi, poiché l'allevatrice non ha restituito Orly a Sydney.

Doreen Biasi, l'allevatrice, l'ha informata con un'email della sua decisione di non restituire il cane. E, ancor peggio, ha venduto Orly a qualcun altro, ignorando il legame che si era creato tra la cagnolina e Sidney.

Un caso portato in giustizia

Sydney ha presentato una denuncia contro l'allevatrice per violazione del contratto. Ha anche ribadito che durante il periodo in cui ha avuto Orly con sé, si è presa cura della sua salute e della sua educazione.

Di rimando, l'allevatrice ha risposto che le accuse di Sydney erano false e che non aveva soddisfatto i termini del contratto. Infatti, secondo lei, Sydney non ha dato a Orly il cibo adeguato, l'ha lasciata in compagnia di cani maschi non sterilizzati e non le ha inviato regolarmente foto perché potesse controllare che la cagnetta stesse bene.

Una storia terribile che è attualmente in fase di giudizio alla corte di Manhattan.

Ricordiamoci anche dei trovatelli nei rifugi. Visita la nostra rubrica Adozione!