Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Ero così carino, ma sono morto: la lettera d’addio di un cucciolo

cucciolo-di-cane-bianco-e-nero dog-sad

Il commercio illegale è spesso fatale.

© Facebook @Tierschutz Berlin

La lettera scritta dai volontari a nome di un cucciolo di cane morente, è straziante. L’intento è quello di far riflettere.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 07/04/21, 07:02

«Ero così carino… ma ora sono morto. Non so cosa sia successo, so solo che da un giorno all’altro mi sono ritrovato senza la mia mamma. Ho sentito gli umani parlare di “commercio di cuccioli" e "malato terminale", ma non ho capito cosa volevano dire.
Eppure questo posto nuovo mi piaceva! Finalmente del cibo e numerose coccole. Però non è bastato e alla fine, sono morto. Io che volevo solo crescere e giocare!».

Queste sono alcune delle parole strazianti pubblicate sull’account ufficiale del rifugio di Berlino (Germania).

Il protagonista è un cucciolo di cane di meno di due mesi. Troppo piccolo e innocente per sopportare la vita crudele che gli era capitata.

Conseguenze fatali del commercio illegale

Il cucciolo in questione è solo uno dei tanti animali che quotidianamente vengono venduti dal commercio illegale.

Certo, gli esemplari di questo traffico costano meno rispetto a quelli provenienti dagli allevamenti a norma, tuttavia le condizioni nelle quali vivono i cuccioli stessi sono spesso e volentieri disastrose.

Non ancora svezzati, vengono strappati il prima possibile dalle loro madri e i maltrattamenti che subiscono così come la sporcizia nella quale vivono, provocano in loro gravi e talvolta letali infezioni.

Una tra tutte, la più comune, è l’infezione da Parvovirus canino tipo 2 (CPV-2). Questo virus patogeno se non diagnosticato e curato in tempo ha un elevatissima mortalità (il 91% nei cuccioli).

Parvovirosi nel cane: cos'è, come si manifesta e come si cura

Si tratta proprio del virus che ha ucciso il cucciolo protagonista. Lui come tanti altri, a soli pochi mesi, ha vissuto un inferno.

 

💔 Ich war so süß ... jetzt bin ich tot. 💔 Ich war keine zwei Monate alt. Man fand mich schwerkrank. Ich weiß gar nicht,...

Posted by Tierschutz Berlin on Saturday, March 20, 2021

Appello alla popolazione

In Germania come in Italia, il traffico illegale di animali è un business che movimenta oltre 300 milioni di euro l’anno. L’unico modo per fermare queste barbarie è non cedere all’acquisto di un cucciolo di razza a poco prezzo e non contribuire all’economia di questi allevamenti.

I volontari del rifugio di Berlino che hanno provato a salvare il piccolo angelo, fanno quindi un appello a tutta la popolazione:

«Soprattutto con l’inizio della pandemia, il numero di cani e gatti nei rifugi è aumentato sensibilmente. Se volete adottare un animale, non compratelo a chi ve lo offre per un costo irrisorio, ma salvate una delle vite del canile».