Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Germania: il nuovo requisito per poter adottare porta indignazione

cane-al-canile dog-wow

Niente più animali a chi lavora.

© Sandis Lazda / Shutterstock

Le nuove disposizioni adottate dal rifugio di Colbenza sollevano l’indignazione di tutti i cittadini. Dietro queste misure però, c’è il benessere degli animali.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 14/04/21, 07:23

Quando il video annunciante le nuove disposizioni adottate dai volontari viene pubblicato sulla pagina Facebook del rifugio di Coblenza, in Germania, sia gli attivisti per i diritti degli animali che gran parte dei cittadini provano una forte indignazione.

Il video provocatorio raggiunge infatti velocemente le 120 mila visualizzazioni, e i commenti oltraggiati non si fanno attendere.

La motivazione di tanta agitazione è semplice: il rifugio ha deciso di non dare più in adozione animali a chi lavora a tempo pieno.

Adozione respinta per chi lavora

Molte persone, prese dalla solitudine e dalla foga di dare un senso alle interminabili giornate di monotonia dovute alla pandemia da Coronavirus, nel corso dell’ultimo anno si sono decise ad adottare un animale.

Tanti hanno adottato consapevolmente, molti altri invece non hanno tenuto in considerazione il grande impegno quotidiano e regolare che necessitano i pelosi, ritrovandosi così costretti a riportare gli animali ai canili.

Stanchi di ascoltare scuse su scuse inventate da proprietari che si sono semplicemente stancati di badare agli animali, i dipendenti del rifugio di Colbenza si sono ritrovati a prendere una decisione drastica: tra i vari requisiti per poter adottare, deve anche esserci quello riguardante la presenza di un adulto non occupato in casa, o munito di un contratto part-time.

Questa nuova regola, seppure molto restrittiva ha un unico scopo, quello di garantire il benessere psicofisico degli animali ed una stabilità duratura.

 
Kindergarten ❤

So ! Nochmal Erklärbär Vermittlung an Berufstätige .... Achtung ⚠ klare Worte

Posted by Tierheim Koblenz on Wednesday, March 10, 2021

Riconsiderazioni

Successivamente alla valanga di commenti negativi, i volontari del rifugio hanno tenuto a specificare le ragioni che hanno portato ad una scelta così drastica, ottenendo questa volta, molti più consensi.

A questo punto non ci resta che sperare che queste nuove misure frenino le adozioni impulsive e che solo chi ha veramente intenzione di prendersi cura di un animale fino alla fine dei suoi giorni, si faccia avanti.