Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Va ad un colloquio di lavoro e il suo cane viene adottato

walter-e-il-suo-cane-nennella dog-sad

Chissà come andrà a finire per Walter e Nennella?

© Facebook @Patrick Walsh

Sembra che al giovane italiano tutti i mali capitino allo stesso momento: dopo la morte del fratello perde anche il suo amato cane.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 01/05/21, 09:51

Walter Bocchetti, un pizzaiolo italiano che vive nella zona di Wood Green, a Londra, ha comprato la sua amata cagnetta di nome Nennella quattro anni fa.

Il 21 settembre, visto che doveva andare ad un colloquio di lavoro, ha lasciato il suo Staffordshire Bull Terrier da un amico. Ma quando è ritornato, Nennella non era più in casa.

La solidarietà del Web

Walter, il cui fratello era morto da poco, non aveva più lacrime per piangere. Ma invece di subire un'altra triste situazione si è messo alla ricerca di Nennella, creando un gruppo su Facebook per far sapere della scomparsa della sua cagnolina e aumentare le possibilità di trovarla.

Tantissimi hanno aderito al gruppo tanto che è arrivato a contare ben 2.700 membri

Il padroncino di Nennella dice al giornale The Independent:

«Sono disperato. Nennella mi ha aiutato a superare il grande dolore per la perdita di mio fratello».

Probabilmente una fuga

«Mi hanno detto che Nennella aveva saltato il muro ed era fuggita». Una reazione plausibile dell'animale che si è trovato in una casa che non era la sua.

Ma Walter non si è arreso e ha attaccato volantini ovunque per diffondere il più possibilie la notizia della scomparsa della cagnolina.

 

🆘🆘PLEASE SHARE EVERYWHERE🆘🆘 Nennella’s group link...

Posted by Claire Smith on Thursday, November 12, 2020
«Sono andato a cercarla dappertutto, non mi sono fermato un secondo. Sette ore al giorno di ricerche».

Per legge gli animali sono beni personali

Per la legge, essendo gli animali considerati alla stregua dei mobili (ahimé), quindi come beni personali, Nennella doveva essere restituita a Walter non appena l'avessero trovata.

Purtroppo non tutto è andato come previsto. Infatti, se da una parte il cane è stato ritrovato sano e salvo, dall'altra sette giorni dopo il suo ritrovamento è stato ricollocato in un'altra famiglia.

Senza microchip il proprietario non è identificabile

Purtroppo se l'animale non è né tatuato né microchippato, come nel caso di Nennella, i proprietari non possono essere identificati.

Walter ha spiegato che non sapeva che i cani dovevano essere identificati. Ha poi chiesto aiuto ad un servizio giuridico che ha deciso di assisterlo.

Il cane adottato da un'altra famiglia

Il servizio legale ha confermato che, secondo il procedimento abituale, Nennella è stata affidata ad un'altra famiglia dopo un periodo di sette giorni dal ritrovamento poiché non si era potuto risalire al suo proprietario.

Pur comprendendo la situazione del giovane italiano, il Consiglio di Haringey ha dovuto ammettere che per Walter non c'era nient'altro da fare per riavere il suo cane.

Nonostante questo, Walter rimane fiducioso:

«Ho dato il mio cuore a questa cagnolina, sette giorni sono troppo pochi per poterla dimenticare», dice.

Spera con tutto se stesso che quando il nuovo proprietario saprà quanto lui tiene a Nennella, potrebbe essere disposto a restituirla.

Che dire... in bocca al lupo Walter!

Hai anche tu tanto amore da dare ad un amico a 4 zampe? Consulta la nostra rubrica Adozione!