Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Il Comune non può vietare le spiagge ai cani: la sentenza del Tar

sit-in con cani dog-wow

Cani in spiaggia, il Tar lo permette.

© Ufficio Stampa Oipa

Il Tar ha accettato il ricorso contro l'ordinanza del Sindaco di Falerna (Catanzaro), che vietava ai cani la possibilità di accedere agli arenili.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 27/04/21, 14:30

Il Comune non può vietare l'ingresso alle spiagge e al lungomare ai cani: questa la decisione del Tar della Calabria.

Questo ha bloccato l'ordinanza del sindaco di Falerna, in provincia di Catanzaro, che stabiliva il divieto durante la stagione balneare.

Un divieto comunale

Il sindaco di Falerna, Daniele Minniti, aveva emesso un'ordinanza nel giugno del 2020, che vietava di condurre sugli arenili «cani o altri animali, anche se muniti di museruola e/o guinzaglio», durante la stagione balneare.

Una decisione che aveva fatto tanto discutere, visto che l’accesso ai cani non era negato solo in spiaggia, ma anche sul lungomare e nelle aree verdi.

Molti cittadini, ma anche tanti turisti in vacanza organizzarono una protesta pacifica, insieme agli attivisti dell’Oipa di Lamezia Terme.

La decisione del Tar

Così l'Oipa e la Lega antivivisezionista hanno presentato un ricorso al Tar della Calabria, contro l'ordinanza di Minniti, vincendolo.

Il Tar ha quindi sancito il diritto degli animali di passeggiare sul lungomare di Falerna o accedere in spiaggia, con una sentenza ben chiara:

«È illegittima l'ordinanza sindacale che, per preservare il suolo pubblico dall'insudiciamento di cani, vieta che gli stessi siano condotti dai proprietari sui marciapiedi, sulle aiuole di una determinata piazza del territorio comunale e all'interno del cimitero comunale, trattandosi di provvedimento eccessivamente limitativo della libertà di circolazione delle persone».

Un precedente importante che lancia un messaggio altrettanto fondamentale: meglio agevolare l'accesso degli animali nelle spiagge per non incentivare l'abbandono estivo, che aumenta sempre di più quando si avvicina il periodo delle vacanze.