Belle le vacanze con i pet? Rispondi🐶

Pubblicità

Husky salva un neonato abbandonato in un cespuglio

husky-bianco-tra-i-cespugli dog-wow

L'Husky voleva "fare da madre" al neonato dopo averlo trovato in un parco inglese.

© Rabinger Photography / Shutterstock

Cane eroe trova un neonato nascosto in un cespuglio a Birmingham, in Inghilterra. L'intervento dell'Husky è stato fondamentale per salvare la vita al piccolo.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 10/05/21, 18:30, aggiornato il 21/06/21, 16:54

A King's Norton, un quartiere di Birmingham, in Inghilterra, è accaduto qualcosa di triste e magico allo stesso tempo.

Un cane di razza Husky ha salvato la vita ad un neonato abbandonato tra i cespugli. Ecco l'incredibile storia.

Husky salva la vita ad un neonato

Alcune settimane fa Terry Walsh stava portando a spasso la sua cagnolina di nome Hel in un parco a King's Norton quando l'animale si imbatte in una piccola creatura avvolta in una coperta.

La cagnolina dal manto bianco e dagli occhi eterocromi si è avvicinata a lui, si è sdraiata accanto e ha iniziato a "spingerlo delicatamente" con il naso. Ciò ha svegliato il piccolo che, piangendo, ha potuto essere notato anche dall'uomo.

Secondo quanto raccontato al Birghmingham LiveTerry Walsh ha affermato che il cane è stato fondamentale nel salvare la vita del neonato.

«Ringrazio il Signore che il neonato fosse vivo, sarebbe potuto andare molto peggio. Il cielo ha mandato Hel a salvare quel neonato!».

Senza l'aiuto dell'Husky che ha svegliato il neonato, il 64enne sarebbe passato accanto a quella che pensava fosse una coperta abbandonata, lasciando che il bimbo fosse trovato da volpi, topi o da un cane meno gentile.

«Hel è stata meravigliosa. Un cane più grande o un altro cane con un temperamento diverso avrebbe potuto tirare la coperta e il bambino sarebbe potuto essere trattato come una bambola di pezza. Per non parlare di quello che avrebbero potuto fare volpi, topi e tutto il resto».

In cerca della mamma

Attualmente in buone condizioni di salute, il piccolo è stato chiamato George perché ritrovato il giorno prima della festa di San Giorgio.

Nella speranza di poter ritrovare la madre del neonato e capire cosa sia successo, la polizia locale ha diffuso varie foto del bambino.

Il sovrintendente investigativo Annie Miller ha dichiarato:

«Il bambino sta bene ed è in buone mani, ma la persona più importante della sua vita è sua madre ed è nostra priorità trovarla».

Incorciamo le dita per un lieto fine ancora migliore!