Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

Una foto straziante rivela la realtà del commercio illegale di cuccioli

cucciolo-di-cane-morto dog-sad

Uno dei tanti cuccioli vittime del commercio illegale di cani.

© Facebook @Hamburger Tierschutzverein von 1841 e. V.

L'immagine che circola di un cucciolo morto ci ha scosso nel profondo e ha rivelato gli orrori del commercio illegale di cani. Adesso si spera in una svolta.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 31/05/21, 07:35, aggiornato il 21/06/21, 17:11

Il 2020 è stato un anno come nessun altro. Abbiamo avuto la pandemia di Covid-19 e i mesi di quarantena, ma non è tutto.

Un altro cambiamento è stato l'enorme aumento di persone che hanno adottato un cane e, in seguito, la successiva esplosione nel commercio illegale di cuccioli.

Pratiche di allevamento senza scrupoli

Si pensa che siano stati importati circa un terzo in più di cani nel 2020 rispetto al 2019, la maggior parte dei quali troppo piccoli per essere portati via dalla madre e spesso gravemente malati.

I cani provenienti da allevamenti illegali di cuccioli vengono spesso allevati e tenuti nelle condizioni più antigeniche e crescono con numerosi problemi di salute.

Non solo i proprietari spesso devono pagare ingenti somme di denaro in spese veterinarie, ma alla fine gli animali finiscono quasi sempre nei rifugi, che hanno ormai raggiunto il loro limite.

Questo è il motivo per cui le associazioni animaliste e i rifugi per animali lanciano l'allarme.

Campagna contro il commercio illegale di cuccioli

In Germania, c'è una vasta campagna nazionale per aumentare la consapevolezza degli effetti del commercio illegale di cuccioli provenienti principalmente dai paesi dell'Europa orientale e impedire alle persone di acquistare cani da allevatori illegali.

Le campagne mostrano foto di cuccioli che già in giovane età soffrono di disturbi potenzialmente letali che richiedono cure critiche.

«Siamo morti. Stop al commercio illegale di cuccioli!» recita la campagna tedesca.

Le veglie a livello nazionale sono previste il 29 maggio 2021 nel tentativo di aumentare la consapevolezza e raccogliere sostegno per potenziali leggi per vietare tale pratica.

Auguriamo loro il meglio e speriamo che la veglia apra la strada a grandi cambiamenti.