I pet fanno bene davvero? Rispondi!

Pubblicità

Il cane Whisky viene cacciato dalla Chiesa di Carini

cane-whisky dog-sad

Il quattrozampe aveva cercato riparo dal forte caldo.

© Facebook @ENPA Sezione di Carini - PA

Whisky, il cane amato da tutti e diventato celebre grazie a Striscia La Notizia, è stato vittima di un'ingiustizia. Ecco cos'è successo nel palermitano.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 29/06/21, 06:47, aggiornato il 30/06/21, 12:52

Ricordate Whisky, la mascotte di Carini? Bene, questo dolcissimo cagnolino è stato protagonista di una vicenda alquanto spiacevole.

A causa dell'attuale forte ondata di caldo, gli animali cercano di mettersi al riparo e rinfrescarsi come meglio possono.

Whisky cacciato da un'importante istituzione

Whisky, il beniamino a quattro zampe di Carini (Palermo), ha provato anche lui a trovare sollievo dalle temperature elevate del comune siciliano.

«Quale posto migliore di una chiesa?», avrà pensato il cane. Purtroppo per lui, la scelta di ripararsi dal caldo all'interno di una parrocchia non è stata una buona idea.

Come è possibile leggere in un lungo post dell'Enpa su Facebook, Whisky:

«da amato e coccolato come in ogni Società che si rispetti, viene rincorso e cacciato dal Prete, dinanzi a diversi cittadini e volontari che rimangono di sasso».

L'Ente Nazionale per la Protezione degli Animali ha denunciato pubblicamente lo spiacevole accaduto, ricevendo numerosi commenti indignati da parte degli internauti.

Come riconoscere il colpo di calore nel cane? Scopri

La Chiesa si scusa

Accorgendosi dell'errore commesso, il Prete ha porto le sue scuse affermando che:

«La Chiesa accoglie tutti gli essere viventi, ivi compresi cani e gatti. Sono e saranno sempre i benvenuti».

Un'ottima notizia quindi per tutti gli animali erranti della città. Ma non è tutto.

Tra alcuni giorni, infatti, il parroco e i volontari dell'Enpa collocheranno «all'ingresso di ogni locale parrocchiale una ciotola d'acqua per rinfrescare i passanti, sia esso Whisky, altri cani, gatti, o uccellini che soffrono il caldo».