Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

La Sicilia brucia: ecco gli animali salvati dai volontari (Video)

cani salvati dagli incendi in sicilia dog-serious

Gli animali sono stati recuperati in mezzo alla cenere.

© Facebook @ENPA - Rete Solidale

L'Italia sta vivendo il dramma degli incendi e non sono poche le persone e gli animali che ne stanno pagando le conseguenze...

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 03/08/21, 12:32

Continuano gli incendi boschivi in Italia. Oltre alla Sardegna, anche la Sicilia sta vivendo giorni terribili, tra fiamme, devastazione e paura.

È incessante il lavoro dei volontari delle associazioni animaliste per salvare gli animali e arginare i danni delle strutture.

Un bilancio terribile

Il bilancio degli incendi divampati nelle regioni del Centro Sud Italia è drammatico: i Vigili del Fuoco afferlano di aver effettuato, dal 15 giugno, oltre 37 mila interventi per fronteggiare l'emergenza degli incendi.

Diverse aree della costa ionica e dell’entroterra sono state colpite dagli incendi (la maggior parte dolosi): Sardegna, Molise, Marche, Calabria, Puglia, Campania, Lazio e Sicilia.

E tra le fiamme, che stanno distruggendo ettari di vegetazione e costringendo all’evacuazioni di case e rifugi, ci sono anche loro: gli animali. Tra quelli che sono stati arsi vivi dai roghi, tra i dispersi e tra quelli che sono rimasti feriti, quel che è certo è che sono moltissimi.

Volontari in azione

I membri delle associazioni per la salvaguardia degli animali, tra cui Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali), sono attualmente impegnati per salvare più vite possibili.

Tanti gli interventi nelle zone colpite dai numerosi fuochi, divenuti quasi tutti indomabili in Sicilia, soprattutto tra Palermo, Catania e Piazza Armerina.

Queste le parole di Ilaria Fagotto, presidente della Lega Antispecista Italia (LAI):

«Grazie al Cielo siamo vivi. Scioccati, ustionati, doloranti, ma vivi, io e tutti gli animali. Il resto e buona parte dei  box e recinti con tettoiette, fatti con tanti tanti sacrifici, sono oramai cenere nera [...]».

Cucciolo trova rifugio al commissariato

Scampato dalle fiamme, un cucciolo con indosso un collare si è rifugiato venerdì scorso al commissariato di polizia di Librino, in provincia di Catania.

Il povero cagnolino, sicuramente in cerca di aiuto, si è seduto sul pavimento davanti agli sguardi stupiti degli agenti. Fortunatamente l'animale non era ferito ma era evidentemente impaurito.

Come riporta lasiciliaweb.it, i poliziotti, che si sono presi subito cura del cane di pochi mesi, hanno avviato le ricerche per trovare i proprietari, sebbene il cucciolo non fosse dotato di microchip.

Ci uniamo all'appello della Questura di Catania per riportarlo a casa.