Hai un mostriciattolo ? Leggi qui🐶😺

Pubblicità

Le foto della rinascita degli animali abbandonati

Animali abbandonati: grazie a chi li aiuta.

© Pedro Vidal / Shutterstock

Quanti animali abbandonati si vedono in giro. Grazie a persone di buon cuore queste povere creature possono sperare in un futuro radioso.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 18/08/21, 18:34, aggiornato il 07/09/21, 17:58

Ovunque guardi, all'occhio attento dell'amante degli animali non sfuggono cani, gatti e altri animali abbandonati in situazioni disatrose. Qualcuno agisce per conto suo, altri si affidano ad associazioni per la protezione degli animali.

E che cosa succede agli animali salvati? Ve lo siete mai domandato? Per molti di loro c'è veramente una svolta miracolosa: da un passo dalla morte passano ad una rinascita a dir poco straordinaria!

Vogliamo parlarvi proprio di alcuni di questi episodi d'abbandono di animali che si trasformano in storie straordinarie di nuovi inizi all'insegna dell'amore e del rispetto per la vita.

Cosa fare se si trova un animale abbandonato?

Gli animali abbandonati in Italia ogni anno sono tantissimi, malgrado siano previste multe salate e in alcuni casi l'arresto per chi commette tale gesto, che è un vero e proprio reato.

Se incontriamo un animale da solo e impaurito, è difficile rendersi conto se è stato abbandonato o se è fuggito. Ecco come capirlo e cosa fare.

Restare calmi

Cosa assolutamente da non fare se si vede un animale che vaga inquieto è mettersi a correre e perdere la calma. Infatti in questo modo lo faremmo spaventare e fuggire. Rivolgiamoci a lui con dolcezza, evitando movimenti bruschi e rumori improvvisi, accucciandoci vicino a lui e tendendogli la mano con il palmo verso l'alto.

Una volta che si sarà fatto avvicinare possimo prenderlo e metterlo al sicuro. Ricordate: un cane che sembra abbandonato deve essere segnalato alle forze dell'ordine o ad un'associazione animalista.

Se l'animale è ferito che fare?

Anche se si vorrebbe fare di tutto e di più, non si deve cercare né di curarlo, né di spostarlo, né di offrirgli cibo o acqua.

Portatelo invece rapidamente da un veterinario che potrà anche verificare la presenza del chip che permetterà di identificare il proprietario.

Verificare che il cane abbia una famiglia

Prima di portare un animale abbandonato a casa, bisogna essere sicuri che non sia in realtà solo fuggito e abbia una famiglia che lo aspetti da qualche parte.

Se l'animale non è microchippato allora servitevi dei social network o fate passaparola con i vicini o con i commercianti del quartiere.

Storie di sorprendenti rinascite: il prima e il dopo

Per fortuna sulla loro strada, alcuni animali in difficoltà hanno trovato persone coraggiose, altruiste e rispettose della vita che hanno permesso loro di avere una seconda opportunità e reso il nostro mondo migliore.

Ecco alcune di queste belle storie di rinascita di animali abbandonati.

Viola

Questa anziana segugina di 13 anni, viveva in condizioni di grave negligenza insieme ad altri cani, rinchiusi in un recinto tra il fango ed escrementi.

Viola non era mai stata curata né degnata di attenzioni, tanto che i volontari dell’OIPA, intervenuti per salvarla, l’avevano trovata con una grossa massa tumorale al collo.

Ora, però, Viola è a casa. Ad accoglierla una famiglia straordinaria: dopo tanta sofferenza può godersi una vita fatta solo di amore con tanta buona pappa, coccole, passeggiate e nuovi amici.

Ciuffo

Questo povero cane è stato ritrovato denutrito, quasi senza più pelo, tremante come una foglia, molto impaurito. A guardarlo oggi sembra quasi un altro cane, non vi pare?

Con il tempo e molta docezza, Ciuffo diventa molto affettuoso, un adorabile coccolone. È anche un gran mattacchione, vivace e desideroso di giocare.

Malgrado sia ritornato a sorridere grazie alle cure dei volontari dell'associazione, Ciuffo cerca ancora una famiglia. Incrociamo le dita per lui!

Nadine e Zoe

Le gattine Nadine e Zoe sono scampate alla morte appena nate. La sofferenza racchiusa nei loro occhietti è difficile da dimenticare, ma oggi siamo felici di mostrarvi i loro musetti finalmente sereni.

Grazie alle amorevoli cure dei volontari dell’OIPA, oggi queste due meravigliose micine non soffrono più e sono pronte per trovare delle famiglie desiderose di circondarsi della loro compagnia, di farsi fare le fusa e il pane tutto il giorno!

Perché i mici fanno la pasta (o il pane)? Scopri!

Balù

Dopo una vita vissuta in strada, Balù ha dovuto subire anche la violenza di chi l’ha picchiato e l'ha lasciato agonizzante in strada. Accalappiato e gettato in un box di un canile, la sua frattura alla mandibola è stata curata alla bell’e meglio.

A causa di questo problema non riusciva a mangiare assai velocemente: tutto il cibo gli veniva rubato dai suoi compagni di box. Balù pesava solo 15 kg, quando è stato salvato dai volontari dell'OIPA: gli si vedevano le costole tanto era scheletrico.

Grazie a cure amorevoli e mirate, Balù è tornato al suo peso forma, adesso è quasi pienotto! Quello che però i volontari non sono ancora riusciti a regalargli è una famiglia tutta sua che gli permetta di vivere serenamente la sua vecchiaia.

Una parola di speranza: adozione

Questi animali abbandonati sono rifioriti nel corpo e nell'anima, alcuni di loro hanno già una casa per sempre, altri l'aspettano ancora.

Non dimentichiamoci l'importanza dell'adozione di animali abbandonati. Un gesto di generosità che verrà ricambiato con tanto amore, gioia e gratitudine.

Vuoi dare una seconda chance ad un animale abbandonato? Consulta la nostra rubrica Adozione