Hai un mostriciattolo ? Leggi qui🐶😺

Pubblicità

Canarie: dorme in auto per non lasciare i suoi cani (Video)

uomo vicino ad un'auto con un cane dentro dog-serious

Pedro dopo l'eruzione vulcanica con uno dei suoi cani in auto.

© Twitter @Moisés Rodríguez / Telecinco

Pedro Jiménez, sfollato di La Palma, ha detto chiaramente alle autorità che non andrà da nessuna parte senza i suoi cani che per lui sono la sua sola famiglia.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 27/09/21, 19:14

L'eruzione del vulcano di Cumbre Vieja a La Palma, isola delle Canarie, sta devastando tutto ciò che trova sul suo cammino. E le storie drammatiche dietro tanta lava e fumo non si contano più.

Come quella di Pedro Jiménez, residente dell'isola e ora sfollato a causa della catastrofe, che ha fatto chiaramente capire alle autorità che non aveva intenzione di allontanarsi e abbandonare i suoi cani.

Pedro si è rifiutato di abbandonare i suoi cani

Da domenica 19 settembre, la situazione a La Palma è critica e migliaia di persone hanno dovuto abbandonare le loro case, lasciandosi alle spalle una vita piena di ricordi e, in molti casi, separarsi dai propri animali domestici e da fattoria.

Tra le tante storie dolorose, dovute a questa eruzione vulcanica, spicca quella di Pedro Jiménez, che ha passato tre giorni dormendo in macchina con i suoi tre cani perché non voleva abbandonarli.

«I miei cani sono la mia famiglia. Sono l'unica cosa che ho».

Lola, Alf e Runa, così si chiamano i cani di Pedro, un uomo di 71 anni che preferisce rischiare la vita vivendo in macchina con i suoi animali piuttosto che essere separato da loro.

Le autorità gli hano offerto un alloggio nella caserma della Guardia Civil in una città vicina e la possibilità di portare i suoi cani in un canile, luoghi dove sarebbero stati tutti e quattro al sicuro... ma separati.

Con loro o niente

Pedro non ha esitato un secondo:

«Ho chiesto un posto dove posso stare con i miei cani tutto il giorno, non posso accettare una soluzione dove i cani stanno qui e io devo andare a stare in caserma».

L'uomo ha chiarito alle autorità che i suoi animali domestici sono l'unica cosa che ha nella sua vita e che essere separato da loro non è per lui un'opzione che prenderà in considerazione.

«Sono stati con me 24 ore al giorno, sempre... Dovrebbero avere qualcosa di adatto dove potrei stare con i miei animali domestici».

Dopo aver passato tre lunghi giorni vivendo nella sua auto con Lola, Alf e Runa, questo anziano signore ha ammesso di sentirsi molto stanco. Una stanchezza che gli pesa sul cuore come un macigno ogni volta che il suo pensiero va alla sua dimora che non c'è più.

Una luce alla fine del tunnel

Per fortuna, una vicina del comune di Los Llanos dal cuore grande si è offerta di accogliere Pedro e i suoi tre cani in casa sua. La buona samaritana lascerà a Pedro una stanza della sua proprietà dove potrà stare con i suoi cani.

Purtroppo, ci sono ancora centinaia di animali separati dalle loro famiglie, sparsi in vari rifugi e case di accoglienza. Oltre a questi, ci sono decine di cani e gatti che sono ancora dispersi... speriamo davvero che siano ancora in vita e che possano ricongiungersi presto con i loro proprietari.