Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Il gattino Angelito e la sua gioia di vivere contro l'eutanasia (Video)

gattino bianco con problemi alle zampe posteriori cat-happy

Nessuno ha potuto fermare la sua voglia di vivere!

© Instagram @angel_ungatofeliz

Quando questo gattino è venuto alla luce tutto sembrava remare contro di lui, ma niente lo ha fermato. Un bell'esempio di voglia di vivere!

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il , aggiornato il

Nell'aprile 2020, in Colombia, Tata ha trovato un gattino abbandonato sotto una macchina. Era nascosto lì e sembrava avere solo una decina di giorni di vita.

La ragazza non ci ha pensato due volte e lo ha preso con sé. Era sporco e in pessime condizioni e, come se non bastasse, aveva anche un'importante disabilità fisica.

Infatti, Angelito, così è stato chiamato questo bel gattino bianco, è nato con una malformazione congenita alla spina dorsale. Per questa ragione, le sue zampe posteriori non si sono sviluppate come quelle di un gatto normale.

Un gatto senza futuro

Tata ha portato Angelito in diverse cliniche veterinarie dove le hanno consigliato l'eutanasia come prima opzione perché ritenevano che il micio non potesse avere una buona qualità di vita.

Ma la donna ha rifiutato questa possibilità e ha continuato a cercare soluzioni finché non si è imbattuta in un veterinario disposto ad aiutarla a rimettere Angelito in piedi.

Dopo un'approfondita visita Angelito è risultato essere in perfette condizioni fisiche: i suoi organi vitali funzionavano perfettamente. L'unica cosa che lo rendeva diverso era la menomazione alle zampette.

Tata lo ha portato a casa dove, con l'aiuto di sua madre, gli ha costruito un semplice carrellino che lo aiutava a muoversi. Queste rotelline gli permettevano di fare assolutamente tutto ciò che un gattino normale avrebbe fatto... anche arrampicarsi sugli alberi!

Intanto Tata gli prodigava tutte le cure speciali di cui aveva bisogno: Angelito, vista la sua disabilità, doveva essere massaggiato e seguire trattamenti specifici. Ma come dice Tata:

«La disabilità è fisica ma la limitazione è mentale».

Ora è un vero angelo

Purtroppo, nel giugno del 2021, quando aveva poco più di un anno, Angelito si è spento a causa di varie complicazioni di salute.

I suoi ventimila follower su Instagram erano affranti dal dolore, ma hanno circondato di tanto affetto Tata, la sua umana, che si è detta sicura che Angelito fosse finalmente diventato l'angelo che era sempre stato.

«Riceverò le mie ali e continuerò ad occuparmi di coloro che si sono occupati di me dal cielo, augurandomi che proprio come me, tutti possano avere una vita felice e piena d'amore», dice Angelito nell'emozionante messaggio d'addio apparso sul suo account Instagram.

Angelito è la prova che l'amore di un proprietario per il proprio animale può fare miracoli: può salvargli la vita e farla diventare non solo dignitosa ma anche felice. L'eutanasia non è mai la prima opzione davanti alla gioia di vivere!

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare