Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Gli animali randagi in Iraq trovano conforto in un rifugio

cane e gatto randagi dog-cat-serious

I cani e gatti randagi di Baghdad avranno un posto in cui andare.

© Pat JARR / Shutterstock

In Iraq il benessere degli animali non è una priorità. Esistono, però, delle anime pure come quelle dei volontari del Baghdad Animal Rescue. Ecco cosa fanno.

Di Grazia Fontana

Pubblicato il , aggiornato il

Anno nuovo vita nuova. Almeno questo è quello che potranno dire i cani e i gatti randagi in Iraq. Nel gennaio 2022, infatti, è stato aperto il Baghdad Animal Rescue, il nuovo rifugio della città che spera di diventare la prima clinica veterinaria per animali randagi della zona.

La prima ad essere stata accolta è stata Bella, una cucciola molto nervosa e spaventata dai botti, ma adesso starà in buone mani.

E in Italia cosa dice la legge sul maltrattamento di animali?

L'obiettivo dei volontari

«Ci prenderemo cura di tutti gli animali e li libereremo quando staranno bene», ha detto uno dei volontari, Nazik, 37 anni.

Per il momento il rifugio ospita solo pochi animali, tra cui un gatto nero di nome Zaatar ("timo" in arabo) che è stato diventato cieco dopo un incidente d'auto. I volontari fanno del loro meglio per fornire l'assistenza e le cure necessarie che ognuno dei quattro zampe merita.

«Le persone ci segnalano ogni volta che trovano un animale ferito. Noi lo portiamo al rifugio e lo curiamo», ha detto la volontaria Sally Faysal, 27 anni.

Se gli animali necessitano di cure più specializzate, poi, vengono portati da un veterinario.

«I membri del team poi dividono tra loro il costo del trattamento», ha continuato Faysal.

Il rifugio potrebbe ospitare diverse centinaia di animali e mira a diventare un giorno una clinica veterinaria per tutti i randagi, ma per il momento mancano i fondi.

La situazione degli animali in Iraq

Nonostante tutta la promozione fatta sui social, però, il rifugio non ha ottenuto nessun finanziamento pubblico. C'è da dire che con tutte le guerre e le crisi del paese, il benessere degli animali è tutt'altro che una priorità per le autorità (ma neanche per la popolazione!).

Avere un animale domestico è insolito in Iraq e molti cani e gatti che vagano per le strade di Baghdad sono spesso maltrattati. Secondo quanto raccontato dai volontari, persino le loro famiglie erano titubanti quando portavano a casa un animale ferito.

«Ci deve essere una campagna di sensibilizzazione per fermare gli abusi sugli animali - ha detto Nazik - Sono esseri innocenti!».

Speriamo che le cose possano presto cambiare. Fateci sapere cosa ne pensate lasciando un commento in fondo a questa pagina 👇
Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare