Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Il mondo del calcio si divide sulla punizione data a Kurt Zouma

kurt zouma cat-angry

Il calciatore francese del West Ham, Kurt Zouma.

© Instagram @kurtzouma

L'opinione dei calciatori si divide attorno alla punizione data a Kurt Zouma per il maltrattamento del suo gatto. Adesso anche il fratello rischia grosso.

Di Grazia Fontana

Pubblicato il , aggiornato il

Non finiscono i guai per il calciatore francese del West Ham, Kurt Zouma. Dopo la pubblicazione di un video su Snapchat da parte del fratello in cui si vede il giocatore picchiare il suo gatto come se fosse un pallone, Zouma è stato sospeso per la prossima partita, ha perso la custodia momentanea dei suoi gatti fino alla fine delle indagini e lo sponsor con Adidas. Il tutto corredato da una bella multa di 300.000€ (anche se per il calciatore corrispondono a sole due settimane di lavoro…).

Adesso anche il fratello 23enne, Yoan, autore del video, è stato sospeso dalla squadra Dagenham & Redbridge FC in cui aveva iniziato a giocare come difensore nel dicembre 2021. E, ciliegina sulla torta, i due lottatori di MMA Jan Blachowicz e Muhammad Mokaev, hanno pubblicamente dichiarato sul loro account twitter di voler far provare a Kurt Zouma quanto lui ha fatto provare al proprio gatto, in un combattimento “ad armi pari”.

Il gatto è stressato? Come capirlo? E cosa fare per calmarlo?

Ma mentre le indagini proseguono, il mondo del calcio sembra essere diviso riguardo le punizioni inflitte al giocatore e l’importanza data al gesto non sembra essere uguale per tutti.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Kurt Zouma (@kurtzouma)

Il maltrattamento animale deve essere considerato inferiore ad atti di razzismo?

A giudicare estrema la punizione ricevuta da Kurt Zouma è il compagno di squadra Michail Antonio. L’attaccante si è chiesto se Kurt Zouma debba ricevere un trattamento più duro rispetto ai calciatori giudicati colpevoli di razzismo.

Ciò non significa che Antonio giustifichi le azioni del compagno di squadra, ci tiene a precisare, ma vedere, in parallelo, come sia stato consentito ai calciatori della nazionale giamaicana di continuare la loro carriera nonostante episodi di razzismo lo fa riflettere:

«Non sto perdonando quello che ha fatto, ma ci sono persone che sono state condannate in tribunale per razzismo, che in seguito hanno rigiocato a calcio. Ora c’è chi chiede che Zouma venga licenziato. Quindi farò questa domanda a tutti là fuori: quello che ha fatto è peggio di quello che hanno fatto le persone che sono state condannate per razzismo?».

Cosa dice la legge sul maltrattamento di animali?

Ma c’è anche chi paragona i gatti ai bambini…

Secondo l’ex campione del mondo della nazionale francese Frank Leboeuf, invece, quanto fatto dal collega Zouma è paragonabile alla violenza sui bambini:

«Kurt, cosa hai fatto, sei impazzito? Non si toccano gli animali! È come se avessi picchiato un bambino! Devono toglierti i gatti adesso!», tuona il calciatore.

E voi come la pensate? Il maltrattamento animale deve essere punito al pari di un episodio di razzismo? Picchiare un gatto può essere paragonato a una violenza su minore? Fateci sapere la vostra in un commento in fondo a questa pagina 👇 

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare