Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Lotta al randagismo: il piano d'azione del comune di Gela

cane randagio dog-cat-happy

Ecco l'iniziativa del comune siciliano.

© dimitrisvetsikas1969 / Pixabay

A Gela arrivano le cucce di quartiere: un'idea che è ormai realtà. Scopriamo in dettaglio di cosa si tratta.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il , aggiornato il

Questo brillante progetto è partito su iniziativa dalle associazioni animaliste locali del comune di Gela, qualche settimana fa.

In seguito, l’amministrazione comunale e l’assessore Giuseppe Licata si sono attivati, con l'aiuto di associazioni ed enti specifici del territorio, per concretizzarla.

Le cucce di quartiere per i randagi di Gela

È iniziata l'11 febbraio scorso la posa delle 10 cucce realizzate da un falegname locale per il Comune gelese.

I ripari per cani e gatti sono stati disposti in punti assai frequentati dalle (fortunatamente) poche colonie feline e branchi di cani randagi.

L'iniziativa rientra quindi tra quelle finalizzate a contrastare il delicato fenomeno del randagismo.
 

Un aiuto concreto per i cani e gatti meno fortunati

Con un costo di soli 1000 euro, il falegname ha realizzato 10 cucce per cani e gatti molto funzionali e con le seguenti caratteristiche:

  • La parte frontale è totalmente aperta in quanto i cani selvatici di solito diffidano di posti troppo chiusi in cui potrebbero sentirsi vincolati.
  • Il tetto presenta un rivestimento impermeabile.
  • Il legno è stato interamente trattato per resistere alle intemperie o alle alte temperature.

In questo modo, cani e gatti dei quartieri di Gela, opportunamente sterilizzati e dotati di microchip, potranno proteggersi dal freddo invernale e dal sole cocente in estate.

I volontari delle associazioni Oipa, Lida, Vita Randagia e Il Mondo di Pluto si assicureranno che le cucce non vengano vandalizzate o rubate, il tutto prendendosi ovviamente cura degli ospiti a quattro zampe che vorranno trovarvi rifugio.

Quali sono le cucce che preferiscono i gatti? Scopri!

È stata quindi scelta la soluzione migliore, più che estetica, per fare il tutto in economia ma in modo davvero funzionale.

 

In questi giorni ho avuto modo di leggere diversi commenti ma ciò che mi sono chiesta nella maggior parte delle volte è ...

Posted by Giulia Cassaro on Monday, February 14, 2022

Le parole dell'assessore Licata

«Credo sia davvero una bellissima iniziativa – commenta l'assessore comunale Giuseppe Licata, come è possibile leggere sul sito del comune di Gela – e se è vero, com'è vero, che la civiltà di una città si misura anche da come vengono trattati gli animali, possiamo dire che oggi abbiamo fatto un bel passo in avanti e lanciato un messaggio estremamente importante».

«Un ringraziamento – ha continuato Licata – va alle associazioni che ci hanno coadiuvato e che ci sono accanto in questa nuova missione. Gli animali non solo non devono essere maltrattati e abbandonati, non basta. Vanno anche curati e messi nelle condizioni di vivere dignitosamente, di certo non chiusi a vita in una gabbia».

«Il sindaco Lucio Greco – ha aggiunto l'assessore gelese – ha seguito insieme a me tutto l’iter di realizzazione delle cucce, ed è soddisfatto del risultato proprio come me».

E conclude:

«Un appello, naturalmente, ora lo lanciamo ai gelesi, affinché ci aiutino a far sì che questa iniziativa possa essere un successo e divenire un modello da seguire per altre città».

Cosa ne pensate di questa idea?
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare