Pubblicità

bulldog francese bianco e nero con lingua di fuori

Una decisione che parte da un motivo ben preciso.

© Shutterstock @Patryk Kosmider

Carlini e Bulldog francesi potrebbero presto essere vietati in alcune pubblicità

Di Grazia Fontana Country Manager

Pubblicato il aggiornato il

Le pubblicità fanno colpo sugli spettatori in vari modi, incluso il modo in cui si scelgono gli animali! Ecco perché c'è chi vuole dire stop alla tendenza.

La Croce Blu, organizzazione per la protezione degli animali nel Regno Unito, ha lanciato la campagna End the Trend per spingere al divieto delle razze brachicefale nelle pubblicità del paese.

Secondo l'ente di beneficenza, vedere così tante razze dal muso schiacciato nella cultura popolare incoraggia le persone ad acquistarne di più.

I cani brachicefali

Sfortunatamente, le razze brachicefale soffrono di tanti problemi di salute. Non solo faticano a respirare, ma sono anche soggetti a malattie della pelle, deformità spinali e problemi agli occhi.

Spesso devono sottoporsi a un intervento chirurgico per aprire le loro vie aeree. A causa della testa insolitamente grande rispetto al corpo, devono anche sottoporsi a taglio cesareo quando hanno dei cuccioli.

Passi avanti per un cambio di tendenza

In effetti, le razze brachicefale non hanno una qualità di vita elevata. Ecco perché gli enti di beneficenza in tutto il Regno Unito stanno incoraggiando i futuri proprietari di amici a quattro zampe a smettere di cercare queste razze. In Australia, è stata persino messa in atto una nuova legislazione per fermare il loro allevamento estremo.

La campagna End the Trend invita gli inserzionisti a smettere di usare tali razze negli spot pubblicitari: meno vengono celebrati come "popolari", meno le persone li compreranno! E forse in futuro... ci saranno anche dei divieti di allevamento.

E tu cosa ne pensi? Faccelo sapere in un commento in fondo alla pagina 👇

Altri articoli

Cosa ne pensi di questa notizia?

Grazie per il tuo feedback!

Grazie per il tuo feedback!

Lascia un commento
Collegati per commentare
Vuoi condividere questo articolo?