Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Declawing dei gatti: ecco dove sarà a breve vietato

declawing dei gatti: unghie del gatto su una mano cat-serious

Anche il Maryland firma per il declawing dei gatti.

© Aleksei Kochergin / Shutterstock

Larry Hogan, governatore del Maryland, ha firmato il divieto di declawing dei gatti. Lo Stato diventa così il secondo a vietare questa pratica.

Di Anna Paola Bellini

Pubblicato il , aggiornato il

Il governatore dello Stato del Maryland, Larry Hogan ha firmato una legge che vieta il declawing dei gatti, pratica che consiste nell’asportazione chirurgica degli articoli dell’animale.

Il primo Stato a prendere questa decisione è stato quello di New York nel 2019 che dopo diversi mesi di discussione ha deciso di vietare il declawing. Il giornale People riporta la notizia.

Cos'è il declawing?

«Troppo spesso, la gente pensa che il declawing sia un semplice intervento chirurgico che rimuove le unghie di un gatto. Purtroppo, questo non è vero», si legge sul sito della Humane Society degli Stati Uniti.

«È un'operazione non necessaria che non fornisce alcun beneficio medico al gatto. I proprietari di animali domestici ben educati possono facilmente addestrare i loro felini ad usare gli artigli in un modo che permetta a tutti i membri della famiglia di vivere insieme felicemente».

Sul suo sito web, anche l'American Veterinary Medical Association (AVMA) condanna questa pratica:

«AVMA scoraggia il declawing come procedura e sostiene le alternative non chirurgiche. Il declawing è un intervento chirurgico invasivo che comporta un'amputazione che, nella maggior parte dei casi, non è necessaria per il gatto da un punto di vista medico».

Cosa prevede la legge?

La legge proibisce a qualsiasi veterinario di eseguire il declawing su un gatto, a meno che la procedura sia «necessaria per uno scopo terapeutico».

Il disegno di legge afferma che chiunque violi la normativa sarà soggetto a una multa che può arrivare fino a 1000 dollari.

La nuova legge del Maryland entrerà in vigore il 1 ottobre.

In Italia la deungulazione è vietata. Con essa anche il taglio di coda, orecchie, corde vocali e denti.
Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare