Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

«Non ti dimenticheremo mai»: il toccante addio di Selvaggia Lucarelli

selvaggia Lucarelli e famiglia dog-sad

Selvaggia Lucarelli dice addio al suo cane.

© Instagram @selvaggialucarelli

Selvaggia Lucarelli ha detto addio al suo cane. Il triste annuncio social ha fatto emozionare tante persone.

Di Anna Paola Bellini

Pubblicato il

Salvaggia Lucarelli ha dovuto dire addio a Godzilla, il suo Cavalier King Charles Spaniel, che da diverso tempo soffriva di problemi di salute.

Su Instagram, l’ultimo messaggio di addio al cane che ha combattuto con tutte le sue forze fino alla fine.

Una perdita straziante

Il cane di Selvaggia Lucarelli purtroppo ci ha lasciati. Il Cavalier King nell’ultimo anno aveva dovuto affrontare diversi problemi di salute che lo avevano costretto anche al ricovero.

Stavolta però, purtroppo, Godzilla non tornerà a casa da Leon, il figlio della Lucarelli al quale era legatissimo.

Godzilla e il post d’addio di Selvaggia Lucarelli

In un lungo post condiviso su Instagram, la giornalista ripercorre gli anni vissuti insieme e racconta la forza di questo cagnolino.

«Sei stato l'eroe del mio bambino, il suo amico dell'adolescenza, la creatura preferita di Lorenzo. Sei stato nei miei libri, nelle gite in montagna, sotto le scrivanie degli hotel e le sedie al ristorante» ha scritto la Lucarelli.

«Meritavi una vita più lunga, meritavi una vita più facile, ma ti giuro piccoletto, ci siamo impegnati perché potesse essere davvero vita fino all’ultimo», continua la giornalista che conclude con un toccante addio:

«Sarai sempre il nostro cane, non ti dimenticheremo mai. E vedi se finalmente ti riesce di catturare una libellula, sarebbe anche ora. Ti amo».

Lorenzo Biagiarelli saluta Godzilla così

Anche Lorenzo Biagiarelli, compagno della Lucarelli, ha tenuto a scrivere parole commoventi per salutare per sempre il tanto amato Godzilla:

«[...] Mi hai insegnato a parlare senza parole, a metterti un collirio, a muoverci a tempo. Mi hai insegnato ad amarti, che cosa stupida, ci voleva mica un genio ad amare uno come te».

E conclude:

«Forse io ero davvero indietro. O forse eri tu che eri davvero bravo. Mi manchi tanto, Godzi, il mio miglior amico».

Buon viaggio piccolo ❤️ 

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare