Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Pastore Tedesco dal veterinario: la sua vita appesa a un filo (Video)

Pastore Tedesco in una carriola dog-wow

Cubby è arrivato alla clinica veterinaria con pochissime possibilità di sopravvivenza. Quello che è successo dopo ha lasciato i medici senza parole.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il

Nel corso del 2020, i volontari di un rifugio americano hanno condiviso immagini che hanno fatto il giro del mondo.

Si trattava di alcune istantanee di un Pastore Tedesco di nome Cubby, affidato alle cure dell'Harris County Shelter (HCS) un rifugio di Houston, in Texas.

Quando è arrivato all'associazione su una carriola, il cane era in uno stato pietoso: emaciato e paralizzato.

A prima vista, e secondo le testimonianze dei volontari che si sono occupati di lui, il Pastore Tedesco non sembrava avere molte possibilità di sopravvivenza, e alcuni di loro pensavano che l'unica opzione per il povero animale fosse l'eutanasia

Però altri volontari hanno posto il veto a questa decisione, rifiutando di arrendersi e lottando alacremente per salvare la vita del cagnolino.

Quadro clinico devastante

La diagnosi del veterinario è stata devastante: Cubby era affetto da parvovirosi. Diverse parti del cervello e del midollo spinale erano infiammate, causando la paralisi.

Di fronte al quadro clinico del Pastore Tedesco, il medico è stato molto chiaro: aveva bisogno di una terapia immediata per sopravvivere. 

L'unica buona notizia di quei giorni bui era che il gruppo di soccorso che collaborava con il rifugio, il Val's Pals GSD & Large Paw Rescue, si era impegnato a coprire i costi delle cure.

Cure complicate

Nonostante tutti gli sforzi, il trattamento per combattere la parvovirosi era fallito e la malattia era molto difficile da controllare. 

I medici che hanno curato e monitorato Cubby quotidianamente hanno esitato a somministrargli, come ultima risorsa, un farmaco antiparassitario, l'ivermectina, che però poteva avere gravi effetti collaterali sulla sua salute, come la cecità

Ultima spiaggia

Anche somministrandogli quel farmaco che lo avrebbe, forse, anche reso cieco, le probabilità che il cane sopravvivesse erano solo del 50%. Ma i veterinari non si sono arresi e hanno deciso di fare un tentativo. 

Un giorno dopo la somministrazione del farmaco, è avvenuto un vero miracolo. Cubby è migliorato rapidamente e dopo la seconda dose ha iniziato addirittura a muovere i primi timidi passi. 

Nessuno dei volontari che lo stavano curando aveva neanche osato sognare una cosa del genere. 

Guarigione miracolosa

Nel giro di alcune settimane, Cubby si è ripreso completamente ed era in grado di condurre una vita del tutto normale. 

«La cosa migliore che potesse capitargli è stata quella di essere stato abbandonato in quella carriola davanti al rifugio», ha detto un volontario che lo aveva seguito durante il suo ricovero in clinica quando lo ha visto finalmente in forma e felice. 

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare