News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

PubblicitĂ 

La storia di Piccolino, il cane coraggioso che ha girato il mondo

Cane che guarda Barcellona dalla finestra
© Shutterstock

Piccolino non è un cane come gli altri: ha girato il mondo, è sopravvissuto ad una pallottola e ha reso la vita della sua padrona ricca di amore.

Di Nina Segatori, 11 apr 2018

Quando si parla di cane si pensa ad un animale domestico che ama la comodità della casa e qualche giro nel parco, ma ci sono alcuni cagnolini che hanno un carattere tale da distinguersi rispetto a tutti gli altri. Come Piccolino, la cui storia raccontata dalla sua padrona a La Stampa, ha commosso il web, conquistando il cuore di tutti gli amanti degli animali.

Piccolino il randagio

Piccolino era un cane randagio prima di incontrare la sua padrona. Decise di seguirla in un parco, attirato dalla cagnolina che portava a spasso, corteggiandola proprio come un vero latin lover. La donna non poté resistere a quegli occhioni furbetti e dolcissimi e decise di adottarlo anche se l'adattamento del cane non fu semplicissimo. In fondo Piccolino era un cane libero, che amava la sua indipendenza, ma con il tempo il rapporto con la sua padroncina si fece profondo e affettuoso.

Il giro del mondo

Nella sua avventurosa vita Piccolino ha girato il mondo con la sua padrona. Non c'è luogo che non abbia visitato o mezzo di trasporto che non abbia preso: aereo, automobile, treno, nave, tutto per raggiungere posti in ogni parte del globo. Avete mai conosciuto un cane con due passaporti? Piccolino è stato negli Stati Uniti, Croazia, Bosnia, Svizzera, Spagna, Repubblica Ceca, Austria, Francia, Lussemburgo e conosce la Sicilia e l'Italia come le sue "tasche". Un vero cane giramondo che al posto della classica passeggiata al parco, fa "un salto" in Danimarca, ad esempio.

Un cane miracolato

Come se l'aver girato il mondo molto più di un travel blogger, non fosse già abbastanza, Piccolino è stato anche un cane miracolato, scampato alla morte dopo essere stato colpito da una pallottola sparata da un cecchino bosniaco. Successe in uno dei suoi tanti viaggi con la padrona, quando una notte si perse e cercando di ritrovare la strada del residence dove alloggiavano, si trovò in questa pericolosa situazione. Il proiettile, però, oltrepassò il suo corpicino senza colpire organi vitali. Alla fine dopo tanti anni di cure Piccolino ha lasciato questo mondo per colpa della leishmaniosi, per continuare a correre nei campi del paradiso dei cani.