Tutti gli annunci di adozione🐶

PubblicitĂ 

Tale cane, tale padrone: il progetto fotografico

cane-e-padrone-che-si-somigliano dog-wow

Tale cane, tale padrone!

© Instagram @gezgethings

Do You Look Like Your Dog: A Memory Game è il libro del fotografo inglese Gerrard Gethings, uscito il 10 settembre 2018, che si è divertito ad immortalare le somiglianze tra i cani e i loro padroni.

Di Eleonora Chiais , 10 mar 2020

Ogni cane assomiglia al proprio padrone? Questa teoria è piuttosto diffusa e sono molti i proprietari di quattro zampe che non cessano di cercarsi (e trovarsi!) somiglianze con i loro amici fedeli pelosi.

Non si tratta, ovviamente, di una verità assoluta, ma pare proprio che ci sia un fondo di realtà. O, almeno, è questa l'ipotesi del fotografo inglese Gerrard Gethings che si è dilettato in una serie di simpatici scatti di coppia immortalando due e quattro zampe in maniera davvero unica.

Do You Look Like Your Dog: A Memory Game

Il risultato di queste immagini a sei zampe è il libro fotografico Do You Look Like Your Dog: A Memory Game che è stato pubblicato il 10 di settembre 2018.

Oltre agli scatti - tutti realizzati in studio con sfondi coloratissimi - contiene un simpatico gioco da tavola nel quale ci si può cimentare ad accoppiare i cani ai loro legittimi proprietari.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Gerrard Gethings (@gezgethings) on

"Chi si somiglia si piglia?"

Un progetto fotografico interessantissimo quello di Gethings nel quale la somiglianza tra questi amici di razze diverse è resa evidente grazie all'abilità del fotografo e a qualche piccolo trucco di scena cui viene affidato l'incarico di evidenziare le tante somiglianze che già esistono naturalmente.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Gerrard Gethings (@gezgethings) on

Insomma, guardando le foto una dopo l'altra, scappano tanti sorrisi e alcune domande. Una tra tutte: siamo noi a scegliere il pelosetto che più ci assomiglia o le somiglianze si acuiscono con la vita zampa a zampa? Chissà.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Gerrard Gethings (@gezgethings) on