Cerchi cibo per i tuoi pet? Clicca qui

Pubblicità

Ad Andria l’ennesimo esempio d’amore da parte dei cani

cani-per-strada dog-wow

La fedeltà dei cani non ha prezzo.

© Facebook @Mario Rossi

Ad Andria, ennesimo esempio di fedeltà e amore di due cani che attendono la padrona ricoverata, davanti all’ospedale.

Di Anna Paola Bellini

Pubblicato il 26/05/20, 07:56, aggiornato il 08/02/21, 15:44

Sono sempre di più le storie di fedeli compagni a quattro zampe che attendono i loro padroni davanti alla porta di ospedali e ricoveri, in alcuni casi, purtroppo, invano.

Chi può dimenticare l’esempio di Ramses, il cane peruviano che ha atteso per giorni il suo padrone, purtroppo deceduto, davanti alle porte del Pronto Soccorso dell’ospedale Essalud?

O ancora la storia della paziente attesa di un branco di cani a Rio do Sul, in Brasile? Anche oggi vi raccontiamo una vicenda simile, avvenuta alla fine del 2018. Questa volta, però, siamo in Italia. 

La vicenda di Andria

Andria, provincia di Barletta-Andria-Trani, in Puglia. Siamo davanti all’ospedale Bonomo e la scena a cui si assiste è davvero toccante: due cani meticci sono in attesa della loro padrona.

Non potendo entrare, i due fedeli amici a quattro zampe, l’hanno attesa 15 giorni proprio all’ingresso della sezione dell’ospedale consacrata alle emergenze.

In realtà, i cani hanno anche cercato di entrare, ma sono stati respinti da medici e personale, poiché non era ancora presente una regolamentazione per l’ingresso degli animali da compagnia in ospedale.

 

Andria, ricoverata in ospedale: due cani attendono per quindici giorni lʼuscita della padrona I meticci hanno tentato di...

Posted by Mario Rossi on Sunday, December 16, 2018

Il lieto fine

La padrona dei due meticci è molto nota in città: vive in condizioni disagiate e, secondo quanto dichiarato da alcuni abitanti del luogo all'epoca dei fatti, non si separa mai dai suoi fedeli amici.

A prendersi cura di loro, che non hanno lasciato un momento l’ospedale, sono stati gli abitanti di Andria.

Ogni giorno, infatti, a turno, i cani sono stati nutriti da alcune persone del luogo, fino a quando la loro padrona è tornata in forze ed è uscita dalla degenza, potendo così riabbracciare i suoi compagni di vita.