News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Permessi per curare l’animale domestico: novità in un’azienda veronese

Cane al guinzaglio a Verona © Pixabay

In un’azienda di Verona i dipendenti avranno 8 ore di permesso (l’anno) per poter accudire e prendersi cura del proprio animale domestico.

Di Nina Segatori, 13 feb 2019

In una società in cui l’animale domestico diventa sempre più parte integrante della famiglia e le sue necessità importanti come quelle di un figlio, le aziende tendono ad adeguarsi per il benessere del cliente e del lavoratore. Così, mentre si combatte affinché gli stabilimenti balneari permettano l’ingresso ai cani e aumenta il numero dei locali che offrono servizi per l’amico Fido, nelle aziende cambiano le regole che si fanno sempre più pet-friendly.

L’esempio di Verona

Come è successo in un’impresa metalmeccanica di Verona, la Ball Beverage Packing di Nogara, che tra le altre novità inserite nello statuto per poter rendere i propri operai più felici, e quindi anche maggiormente zelanti, ha deciso di dedicare 8 ore l’anno di permesso per la cura del proprio animale domestico. Così, chi avrà bisogno di portare il cane dal veterinario, accudire il gatto o svolgere altre mansioni che riguardano il proprio pet, potrà usufruire di un permesso speciale. Così è stato deciso, per la gioia di chi faceva i salti mortali per dividersi tra lavoro e casa. E chi obietta che 8 ore l’anno sono poche dovrà ricredersi, considerando che si tratta di un permesso ad hoc, che va ad aggiungersi a quelli di ferie e malattia.

Non solo cani e gatti

Per ottenere un tale risultato ci sono voluti 11 mesi di trattative tra rappresentanti dei lavoratori ed esponenti dell’azienda, ma alla fine l’accordo si è trovato e questo crea un precedente che potrebbe essere d’ispirazione per tante altre multinazionali.

Il permesso vale non solo per cani e gatti, ma anche per altri tipi di animali domestici come il coniglio, ma anche l'iguana o il furetto. Una decisione sui generis che avvicina l’impresa alle necessità del lavoratore e che apre le porte ad un nuovo modo di gestire dipendenti e orari di lavoro.