News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

PubblicitĂ 

La storia di Nicoletta, che da 10 anni veglia la tomba del padrone

cane seduto vicino ad una tomba
© Facebook @Francesco Emilio Borrelli

Nicoletta è una cagnolina di 14 anni che ogni giorno siede sulla tomba del padrone defunto, senza mancare mai. La sua storia ha fatto commuovere tutti.

Di Nina Segatori, 15 feb 2019

Ci sono amori che non finiscono mai e che neppure la morte può spezzare. Primo fra tutti quello tra un cane e il suo padrone, che da niente può essere distrutto. Ne è un esempio la cagnolina Nicoletta, che per il suo migliore amico umano fa ogni giorno un gesto incredibile, che ha commosso tutta la comunità. La sua storia ha fatto il giro del web e ora si cerca qualcuno che si prenda cura di lei.

La storia di Nicoletta

A Ischia c'è una cagnolina di nome Nicoletta che da 10 anni veglia la tomba del padrone. Sepolto nel cimitero di Panza, a Forio, un comune dell'isola di Ischia, il proprietario di Nicoletta, con la sua morte ha lasciato la cagnolina da sola e lei da quando è morto non è mai mancata neppure un giorno. Seduta sulla sua tomba, Nicoletta passa le sue giornate a vegliare il sepolcro del padrone defunto, sotto gli occhi commossi di tutti i passanti. Ad accudirla l'ex custode del cimitero e la Lega Animale.

L'appello in favore di Nicoletta

A raccontare la sua storia il consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che su Facebook lancia un appello in favore di Nicoletta: « Nonostante siano passati tanti anni nel suo cuore sono ancora vividi i ricordi felici con il suo compagno di vita. La speranza, ora, è che con l’arrivo della sua stessa vecchiaia, turisti e residenti non la lascino sola, come lei non ha lasciato solo chi l’ha tanto amata». La storia di Nicoletta ricorda tanto quella del film Hachikō ed è la testimonianza vivente di quanto sia reale e profondo l'amore di un cane per il suo padrone.

 

#Forio d’Ischia. Nicoletta, la cagnetta che da dieci anni veglia la tomba del padrone nel cimitero di Panza. #Verdi:...

Posted by Francesco Emilio Borrelli on Thursday, February 7, 2019