News :
Wamiz Logo

TEST: Che razza di gatto fa per te?­čś╗­čś╗

Pubblicità

Un cane aspetta da tre anni il padrone morto d'infarto

cane volpino con sguardo triste
© Pixabay

Una storia tristissima quella del cane volpino che da tre anni aspetta fuori l'ospedale il ritorno del suo padrone, che purtroppo è morto d'infarto.

Di Nina Segatori , 21 feb 2019

Chi non ha mai visto il film Hachik┼Ź, dove il tenero cagnolone adottato dal personaggio interpretato da Richard Gere, aspetta per anni il suo padrone che, andando a lavoro, ha avuto un malore ed è morto? Una scena straziante e un finale davvero commovente per quella che è una storia tutt'altro che finta, visto che anche nella realtà è accaduto più di una volta.

Dopo la storia di Nicoletta, la cagnolina che veglia sulla tomba del padrone, l'ultima commovente vicenda arriva da Caltanisetta, dove un volpino fedelissimo al suo amato essere umano non si dà pace per la sua scomparsa.

La storia

Nel Nisseno, un volpino, ora ribattezzato Stefano come l'Ospedale Santo Stefano dove siede ogni giorno, aspetta da tre anni il ritorno del suo padrone che è deceduto a causa di un infarto. Come nel film, il cagnolino, triste e sconsolato, si reca sempre fuori la struttura in attesa che l'ambulanza che ha portato dentro il suo migliore amico, lo riporti fuori. In attesa di potergli fare di nuovo le feste e passare del tempo con lui, il fedele animale non cede e ogni giorno torna nello stesso posto in attesa di vedere la figura del padrone.  

La lunga attesa

Una scena straziante che ha commosso non solo dottori e infermieri, ma anche chi ogni giorno passa di lì e lo vede fermo al suo solito angolino. Qualcuno gli ha anche costruito una cuccia per ripararsi dal freddo, ma il volpino preferisce sostare vicino all'ambulanza, mentre in estate si sposta nel giardino dell'ospedale. Non si fa avvicinare o toccare da nessuno, non appena qualcuno prova ad accarezzarlo si allontana e torna ad aspettare senza distrazioni. Gli addetti della struttura, però, non gli hanno mai fatto mancare acqua e cibo e oramai si sono affezionati al dolcissimo Stefano.