News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

Un giudice ha dato l'affido congiunto di un cane per la prima volta

cane e gatto
© Pixabay

Per la prima volta in Italia, per il cane di una coppia in via di separazione è stato stabilito l'affidamento congiunto. Il gatto invece va all'ex marito.

Di Nina Segatori, 25 feb 2019

Una coppia di Sciacca, in provincia di Agrigento, si è rivolta al giudice per la separazione e questo ha stabilito anche le sorti degli animali domestici di moglie e marito. Mentre il gatto è stato afidato alle cure esclusive dell'ex marito, per il cane è stato deciso l'affidamento congiunto. Così, l'animale, passerà una settimana con uno e la successiva con l'altro, spostandosi a settimane alterne. Questo è il primo caso in Italia.

La separazione

Come tante coppie, anche quella di Sciaccia condivideva oltre alla casa e agli interessi comuni, anche un cane e un gatto, trattati come veri e propri figli. Che si fa quindi, quando marito e moglie decidono di separarsi? La questione è comune a molti innamorati che prendono un animale domestico che poi quando si lasciano si ritrovano a litigare principalmente per quello, nel tentativo di stabilire chi dovrà occuparsene.

Di solito, il cane o il gatto sono oggetto del contendere, perché nessuno dei due è disposto a rinunciarvi e raramente accade il contrario. Nessuno, infatti, vuole  lasciare Fido, tantomeno i coniugi di Sciaccia che proprio non riuscivano a trovare un accordo.

La sentenza del giudice

Ci ha pensato quindi il giudice a stabilire le sorti dei due animali. «Rilevato che in mancanza di accordi condivisi e sul presupposto che il sentimento per gli animali costituisce un valore meritevole di tutela - si legge sulla sentenza - anche in relazione al benessere dell’animale stesso, assegna il gatto al resistente che dalla sommaria istruttoria appare assicurare il migliore sviluppo possibile dell’identità dell’animale e il cane, indipendentemente dall’eventuale intestazione risultante nel microchip, a entrambe le parti, a settimane alterne, con spese veterinarie e straordinarie al 50 per cento» Per la prima volta un animale viene dato in affido congiunto in Italia.