News :
wamiz-v3_1

È morto Grumpy Cat 😭😭😭

8 marzo: due donne insegnano al cane a riconoscere l'uomo giusto (Video)

cane con sguardo all'insù
© Youtube @Оля Макаренко

Due donne russe hanno insegnato al proprio cane a risconoscere i regali "tristi" da quelli ricchi per poter scoraggiare i pretendenti più miserevoli. Perfetto per l'8 marzo!

Di Nina Segatori Pubblicato il 08 mar 2019

Impossibile non ridere di fronte al talento del cane di due donne russe che hanno insegnato al loro amico a 4 zampe a riconoscere i regali più poveri e a distinguerli da quelli ricchi. Come? Prendendo come esempio un mazzo di fiori.

Se il pretendente si presenta con un misero fiorellino, il cane gli abbaia contro, mentre se il mazzo è bello allora avrà il lasciapassare del cane. Il video è diventato virale, suscitando la curiosità di tutte le donne, soprattutto in occasione della loro festa.

Il talento del cane

Probabilmente l'idea delle due amiche russe è nata proprio in vista dell'8 marzo e di tutti gli omaggi floreali che si aspettavano di ricevere per la festa della donna. Così hanno insegnato al loro cane a fare qualcosa di mai visto prima: distinguere un regalo misero da uno ricco e meritevole di attenzione.

Niente gioielli e cioccolatini, se è vero che di solito basta il pensiero, l'importante è che questo sia un bel mazzo di fiori bello sostanzioso e non un triste fiorellino, preso chissà dove e senza nemmeno essere stato confezionato in un bouquet. Ma può davvero un cane riconoscere una tale distinzione? Pare proprio di sì.

La reazione del cane

Così nel video, che è diventato presto virale, il cane viene messo di fronte a due tipi di regali: un semplice fiore e un bel mazzo colorato. Quando gli viene mostrato il primo, l'animale abbaia contrariato, mentre quando vede l'omaggio più ricco, gira la testa pronto a lasciar passare l'eventuale corteggiatore, meritevole di essersi presentato con un regalo degno delle sue padroncine umane. Un ottimo modo (ma soprattutto divertente) per fare una selezione veloce e senza offesa. In fondo, è il cane a scegliere e nessuno può lamentarsi!