Obbligo microchip per gatti: il via in Friuli Venezia Giulia

Obbligo microchip gatti
Il microchip per gatti non è obbligatorio in tutta Italia, ma soltanto in alcune città o regioni. © Pixabay.

Il Friuli Venezia Giulia ha appena approvato una nuova norma per l’obbligo del microchip anche per i gatti domestici.

- Annuncio Pubblicitario -

Il microchip di riconoscimento non sarà più un’esclusiva dei cani, almeno in Friuli Venezia Giulia. La regione ha infatti disposto l’obbligo del microchip per gatti domestici. Questa non è una vera e propria novità nel nostro paese. Alcune città, come ad esempio Pordenone (1250 già i gatti con il microchip), hanno creato l’anagrafe felina (come quella canina) già da settembre. Questa però è in via di sperimentazione e durerà sei mesi (con probabile proroga). Trieste, invece, ha introdotto la carta d’identità per randagi già dal 2015. Il Friuli Venezia Giulia con l’approvazione della manovra di bilancio di fine anno, ha seguito l’esempio di Pordenone e introdotto l’obbligo di microchip per gatti.

Proprio come i cani, anche i gatti saranno quindi riconoscibili e associati ad un proprietario. Grazie al microchip sarà molto più facile riuscire ad identificarli in caso di smarrimento. Questo chip è una piccola capsula che viene applicata sull’animale dal veterinario (sui cani dietro l’orecchio) e può essere letto tramite un lettore adatto (di solito in dotazione all’ASL, alla Polizia Municipale e ai veterinari). Le 15 cifre del codice permettono di risalire al proprietario dell’animale in pochi secondi. L’ASL può anche rilasciare il passaporto per animali da compagnia in caso di viaggio all’estero.

Microchip per gatti: tempistiche, costi e sanzioni

Il microchip per gatti, proprio come la controparte canina, dovrà essere applicato entro i primi due mesi di vita dell’animale. In caso di adozione o acquisto, il tempo massimo per procedere con l’inoculazione del chip sarà di 10 giorni. Il costo si aggira dai 20 ai 30 euro, ma è possibile godere di tariffe agevolate se si ci rivolge all’ASL di competenza. L’obbligatorietà del microchip comporta una multa che va dai 600 ai 1000 euro in caso di mancata inoculazione sull’animale.

- Annuncio Pubblicitario -

Leggi anche: Brolo, il paese dei gatti (e non solo): 4 luoghi cat-lovers in Italia

Cresciuto in un piccolo paesino siciliano, sono stato un amante dei cani (e degli animali in generale) sin dalla più tenera età. Che siano di razza, incroci o “semplici” meticci, questi amici a quattro zampe riescono a cambiarti la vita e renderla migliore giorno dopo giorno.