Padre “a sua insaputa” di quattro micetti: la storia

L’inglese Paris Zarcilla ha scoperto sotto il suo letto una mamma gatta con la sua cucciolata appena nata. “Peccato” che lui non avesse animali domestici.

- Annuncio Pubblicitario -

«Sono padre adesso?». A chiederselo, ironicamente, via Twitter è il regista inglese Paris Zarcilla che ha deciso di condividere via social i dettagli dell’incredibile avventura che ha vissuto quando ha scoperto che una mamma gatta aveva scelto proprio casa sua per dare alla luce i suoi cuccioli. Una mamma gatta che, sia detto per la cronaca, lui non aveva mai visto prima.

La gatta partorisce sotto il letto di uno sconosciuto

«Sono salito nella mia stanza per recuperare una maglia – racconta Zarcilla – e ho trovato questa gatta, che non è mia, sotto il mio letto in compagnia dei suoi cuccioli appena nati». Le emozioni si sono subito susseguite velocemente tra gioia, legittimo spaesamento, curiosità e – infine – un genuino e disarmante moto d’affetto per la gatta e per i micetti.«Adesso vivo per i “miei” cuccioli – ha twittato – e mi godo le gioie della paternità!».

Mamma gatta e i micetti: amore a prima vista


Prima della scoperta, d’altra parte, Zarcilla non aveva animali domestici e – ha confessato con un cinguettio – non conosceva le gioie dell’amore profondo che si prova di fronte a un pelosetto… figurarsi davanti a cinque! «Mi hanno avvertito – ha continuato ancora – che la mamma e i suoi piccoli non possono essere separati per almeno sei settimane. L’unica cosa che temo è che questa gatta appartenga a qualcuno, e quindi che il suo padrone la stia cercando, ma se così non fosse sarei felice di tenerli con me: l’istinto paterno ha preso il sopravvento!». Da parte loro sia la gatta che i suoi cuccioli ricambiano deliziando il loro nuovo amico con fusa a volontà.

Leggi anche: Adotta un gatto minuscolo, ma la sua trasformazione lascia sbalorditi

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.