Passeggiate con il cane: i luoghi migliori dove portarlo

la passeggiata con il cane
La passeggiata con il cane è fondamentale per l’interazione animale-padrone ©pixabay

Il nostro animale non può rinunciare al giretto quotidiano insieme al suo padrone. Ecco dove portarlo a fare la sua passeggiata 

- Annuncio Pubblicitario -

Per il nostro cane, la passeggiata è uno dei momenti fondamentali di sfogo giornaliero, essenziale non solo per restare in forma o per rilassarsi, ma soprattutto per liberare tutte le sue energie e non essere in un continuo stato di tensione, che potrebbe portare a disturbi comportamentali o momenti di aggressività. Il momento della passeggiata, che dovrebbe durare dalla mezz’ora alle due ore (dipende dalla razza, l’età e le esigenze di ciascun animale) è anche fondamentale per l’interazione cane-padrone: ecco perché andrebbe fatta senza fretta, senza sgridarlo o strattonarlo se si ferma ad annusare bisogni di altri cani od oggetti lungo la strada: prendete questa esperienza come una pausa relax anche per voi, per liberare la mente e godervi il rapporto con l’animale.

Partite dal presupposto che il cane è un animale abitudinario, quindi cercate di portarlo a passeggiare sempre alla stessa ora. Non tenete sott’occhio l’orologio, non c’è bisogno di essere fiscali, però mantenete una sorta di tabella generale, affinché anche lui possa regolarsi sul trattenere i bisogni e per quanto. 

Dove andare

Chi abita in città non ha, di solito, molta possibilità di scelta e – bisogna sottolinearlo – gli ambienti urbani non garantiscono un relax totale per l’animale. Quindi va bene andare all’area cani sotto casa, ma almeno una volta alla settimana, magari nel weekend, fatelo sfogare portandolo in un prato aperto, a fare una passeggiata nel bosco, in campagna, sul fiume… Se siete fortunati ad abitare sul mare, portatelo la mattina presto, quando non c’è ancora nessuno: si divertirà e sfogherà come non mai, in un ambiente naturale e sano dove potrà esprimersi liberamente. Potrà fare un bagno, giocare con le foglie, masticare leggenti,  rotolarsi, tuffarsi e nuotare, e proverà una sensazione di appagamento e divertimento totale. Se ti è possibile, consulta un esperto o un veterinario che ti aiuterà a pianificare la miglior passeggiata per il cane, con tempi e percorsi adatti alle sue esigenze.

- Annuncio Pubblicitario -

Attenzione al clima

Stiamo andando verso la stagione calda e il cane soffre per le alte temperature. Evita di portarlo fuori nelle ore più calde, ma scegli la mattina presto o quando cala il sole. Se vivi in città, occhio anche all’asfalto, che potrebbe essere rovente e insopportabile per le zampe del cane. Tocca tu stesso l’asfalto con la mano e senti la temperatura: se non riesci a tenere la mano appoggiata, anche il cane farà fatica. Se devi portarlo fuori per forza durante il giorno, scegli tragitti all’ombra e aree cani alberate, dove può correre senza disidratarsi. E porta sempre con te una ciotola da viaggio e una bottiglia di acqua fresca.

L’importanza di cambiare percorso

Quando facciamo la passeggiata con il cane, dovremmo cambiare luogo e tragitto il più possibile. Piuttosto, carichiamolo in macchina e facciamo pochi chilometri, ma portiamolo a scoprire posti nuovi, odori nuovi e – chissà – magari anche compagni di gioco nuovi. Questo perché l’animale, esattamente come l’uomo, ha bisogno sempre di nuovi stimoli, e potrebbe annoiarsi facendo sempre lo stesso giro, che tocca gli stessi luoghi. Questo aiuterà il cane a essere propositivo ed entusiasta ed eviterà che sprofondi nell’apatia. Ricordate inoltre che è molto più salutare per lui fare 20 minuti di passeggiata intensa che il doppio del tempo in area cani, se poi resta seduto e non ne approfitta per correre e giocare. Se c’è la possibilità, a volte facciamo scegliere a lui che tragitto fare: apprezzerà moltissimo.

Area cani

Se il vostro cane ha timore del contatto con altri cani, evitate l’area cani e fate una passeggiata solo voi due. Se, al contrario, ama giocare con i suoi simili nell’area cani, non perdetelo però mai di vista: dal litigare per gioco alla rissa vera e propria è un attimo. Inoltre, liberatelo sempre dal guinzaglio: se gli altri cani sono liberi e il vostro legato, si sentirà circondato e magari in pericolo, incapace di reagire come vorrebbe.

- Annuncio Pubblicitario -

Leggi anche: 5 cani da compagnia: che razza scegliere

Gli animali mi sono sempre stati un po' indifferenti finché un ex fidanzato non mi ha costretto a una convivenza con la sua "boxerina" di 40 kg. Mi sono ripresa dal trauma e, oggi, sono io a fermare tutti i cani per strada per una carezza, sperando nella pazienza dei loro proprietari...