Pidocchi del cane: rimedi e prevenzione

Pidocchi cane
I pidocchi del cane sono un disturbo comune. Ecco quali sono i sintomi e qual’è la giusta prevenzione. ©Pixabay

Hai trovato dei pidocchi sul tuo cane? Non ti preoccupare ti spieghiamo quali sono i rimedi e che prevenzione attuare per evitare che la prossima volta accada di nuovo!

- Annuncio Pubblicitario -

I pidocchi del cane sono un disturbo comune tra i quattro zampe e devono essere intercettati per tempo di modo che la situazione non degeneri con conseguenze anche importanti sulla salute e sul benessere del nostro amato pelosetto. In primo luogo è bene sapere che esistono validi rimedi per i pidocchi dei cani ma che, allo stesso tempo, la prevenzione è importantissima. Ecco tutto quello che c’è da sapere su come affrontare i pidocchi nel cane.

I pidocchi del cane si attaccano all’uomo?

Prima di tutto è utile sottolineare che i pidocchi del cane non si attaccano all’uomo perché in natura esistono oltre 3mila varietà di questi fastidiosi insetti ma ciascuno di questi ha caratteristiche particolari e si comporta da parassita solo con alcune razze di animali.

In pratica, quindi, i pidocchi del cane non possono sopravvivere sull’uomo e – allo stesso tempo – i pidocchi umani non riescono ad installarsi sul pelo del nostro animale domestico. Quindi, una volta per tutte, la risposta al – piuttosto comune – dubbio se i pidocchi del cane si trasmettono all’uomo è “no”.

Quali sono le tipologie di pidocchi dei cani?

Se, come abbiamo detto, è bene sapere che in natura esistono moltissime tipologie di pidocchi è indispensabile, a questo punto, conoscere i tipi di pidocchi che possono attaccarsi ai nostri cani. Ne esistono sostanzialmente tre famiglie ma è utile sapere che queste tipologie di insetti sono semplici da riconoscere perché si tratta di animaletti piatti, grigi e sostanzialmente statici.

- Annuncio Pubblicitario -

La prima famiglia, molto rara in Europa, è quella dell’Heterodoxus spiniger ed è composta da insetti lunghi circa 2,5 mm; la seconda quella del Linognathus setosus è formata da insetti di una grandezza che va dagli 1,5 ai 2,5 mm di lunghezza e che si attaccano principalmente alla testa, al collo e al torace del cane una preferenza che permette di distinguerli dai “cugini” appartenenti alla terza famiglia (quella dei Trichodectes canis) che, leggermente più piccoli, s’installano invece specialmente sulla testa, sul collo, sulle orecchie e sul dorso dell’animale.

Pidocchi cane: i sintomi

Tra i sintomi più diffusi dei pidocchi dei cani c’è una diffusa irritazione della pelle che causa un prurito molto intenso (con una conseguente irrequietezza di Fido) e può causare ferite diffuse. Queste sono pericolose perché, se non vengono curate tempestivamente, possono portare a malattie batteriche a livello topico, quindi della pelle. Attenzione, per questo, a riconoscere prontamente i sintomi e a non esitare a portare il cane dal veterinario al primo sospetto. Anche se all’inizio questo malessere può essere confuso con un’allergia (che è tra le principali malattie dei cani), infatti, è bene che lo specialista sottoponga Fido a una visita in tempi brevi per evitare che la situazione peggiori.

Prevenire i pidocchi del cane

Nessun metodo di prevenzione è efficace al 100% ma esistono alcune buone pratiche per prevenire i pidocchi del cane. Tra queste ci sono l’abitudine di rispettare la frequenza consigliata nell’applicazione degli antiparassitari e l’attenzione, costante, sia all’igiene curando il pelo del cane sia alla pulizia degli spazi che abita.

Come eliminare i pidocchi nel cane?

Se la prevenzione non è stata fatta o se, malgrado gli sforzi, questi fastidiosi insetti hanno fatto comunque la loro comparsa sul mantello di Fido, è bene sapere che i pidocchi nel cane si possono eliminare facilmente e, dopo la visita, il veterinario saprà consigliare la cura ottimale considerando la famiglia alla quale appartengono gli insetti che hanno scelto il nostro amico come nuova casa e, contemporaneamente, lo stato di salute e la storia clinica del nostro amico a quattro zampe.

- Annuncio Pubblicitario -

In generale, comunque, lo specialista consiglierà di somministrare dei prodotti insetticidi e di procedere con un accurato lavaggio specifico. In pratica, quindi, per eliminare i pidocchi nel cane si dovrà dapprima lavarlo con un apposito shampoo repellente e poi pettinarlo con un pettine antipulci che permetterà di rimuovere manualmente questi fastidiosi animaletti (che poi dovranno essere uccisi uno per uno per evitare che tornino ad infestare il mantello del cane). Dopo questi primi due passaggi, quindi, si dovrà asciugare attentamente e quindi sarà il momento di applicare il prodotto specifico indicato dal veterinario e che potrà essere una pipetta, uno spray o un antiparassitario naturale per cani.

Leggi anche: Rimedi naturali per la cura del pelo del cane

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.