Portare il cane in nave o in treno: regolamenti e accorgimenti da seguire

portare il cane in nave
Prima di portare il cane in nave o in treno, è necessario informarsi bene sulle politiche delle compagnie © Pixabay.

Il viaggio in nave è un’esperienza meravigliosa per noi umani, ma lo sarà anche per i nostri amici a quattro zampe? Come portare il cane in nave? Come si prepara l’animale per affrontare un lungo viaggio? Ecco i nostri suggerimenti.

- Annuncio Pubblicitario -

Quando si organizza un viaggio con il proprio amico a quattro zampe, bisogna considerare alcuni aspetti importanti. Portare il cane in nave o in treno, potrebbe infatti rivelarsi alquanto traumatico per l’animale, perché alcune compagnie (soprattutto in nave), non sono proprio pet-friendly. Affrontare un viaggio di molte ore in nave oppure in treno, in condizioni non proprio confortevoli, potrebbe avere conseguenze negative per i cani. Proprio per questo motivo bisogna sempre informarsi sulle politiche adottate dalle singole società prima di prenotare un biglietto, per evitare di imbattersi in problemi indesiderati una volta a bordo. Ecco tutto ciò che bisogna sapere per partire in vacanza con il proprio amico a quattro zampe in tutta tranquillità.

Regolamenti delle compagnie per portare il cane in nave

Portare il cane in nave potrebbe essere una bella esperienza, ma potrebbe anche rivelarsi pessima. Ogni compagnia di navigazione, che si tratti di nave oppure traghetto, ha le sue regole per il trasporto di animali domestici. Alcune accettano di buon grado la presenza di amici a quattro zampe sulla propria imbarcazione, altre invece propongono i canili interni, che non sono altro che piccole gabbie in ferro, poste in luoghi spesso lontani dalla zona passeggeri e (a volte) visitabili ad orari prestabiliti. Più in generale, le regole riguardanti i viaggi in nave o in traghetto con il cane sono:

- Annuncio Pubblicitario -
  • Animali domestici non ammessi (come ad esempio su molte navi da crociera, dove gli unici animali ammessi sono i cani guida per i non vedenti).
  • Accesso ai cani consentito soltanto nei canili della nave.
  • Accesso ai cani consentito soltanto nel garage della nave, dentro l’abitacolo della propria auto o nel proprio trasportino (su alcune imbarcazioni i cani di taglia piccola, possono avere accesso alle cabine, se dentro il proprio trasportino).
  • Accesso ai cani consentito su ponte esterno, con obbligo di museruola e guinzaglio.
  • Accesso ai cani consentito negli spazi esterni della nave, con cabine pet-friendly.
Portare il cane in nave
A volte i canili delle navi non sono i luoghi migliori per far viaggiare gli amici a quattro zampe © Pixabay

Naturalmente, per portare il cane in nave, non bisogna dimenticare i documenti del proprio amico a quattro zampe. Oltre al biglietto di viaggio (non necessario in alcuni casi, come ad esempio per i cani guida) non bisognerà dimenticare il libretto sanitario del cane con le ultime vaccinazioni, il certificato di iscrizione all’Anagrafe Canina Nazionale, il passaporto canino (se si viaggia all’estero), il guinzaglio e la museruola, il cibo e l’acqua (in alcune navi e traghetti l’acqua è sempre garantita), le ciotole apposite e i sacchetti igienici e la paletta per i bisogni del cane. Se dovessero mancare questi documenti e oggetti “must have” per viaggiare in nave con il cane, si potrebbero avere dei problemi al momento dell’imbarco (nel peggiore dei casi potrebbero anche vietare l’accesso sul traghetto o sulla nave al proprio amico a quattro zampe).

Si possono portare i cani in treno?

Come già accennato in precedenza, si possono portare i cani in treno, sempre nel rispetto di alcune importanti condizioni. Sia Trenitalia, sia Italo (le due maggiori compagnie ferroviarie italiane) consentono di far salire a bordo i cani su tutti i treni, con pochissime restrizioni. Un esempio in questo senso è la norma di Trenitalia che vieta l’accesso agli animali (anche se dentro il trasportino) sui treni regionali, nei giorni feriali, dalle 7 alle 9 del mattino. Le regole principali, valide per entrambe le compagnie sono:

- Annuncio Pubblicitario -
  • I cani in treno devono essere muniti di guinzaglio e museruola nelle fasi di salita e discesa dal treno (cani di grossa taglia devono sempre portare il guinzaglio);
  • I cani di piccola taglia devono invece essere messi nell’apposito trasportino;
  • Tutti i cani sul treno hanno bisogno dei propri documenti, tra cui il certificato di iscrizione all’Anagrafe Canina Nazionale e il libretto sanitario e passaporto canino (per i viaggi all’Estero);
  • I cani guida per non vedenti hanno accesso a tutti i vagoni, compreso il vagone bar/ristorante;
  • Se i cani sono ritenuti pericolosi o soffrono di malattie trasmissibili agli umani, questi non potranno salire a bordo del treno.
portare il cane in nave
I cani guida possono salire in nave o in treno senza bisogno dell’apposito trasportino © Pixabay.

Per portare i cani in treno, inoltre, bisognerà effettuare una prenotazione online, in stazione o tramite call center. Anche il cane paga il biglietto del treno, ma il prezzo del biglietto di Trenitalia è pari al 50% del prezzo base, mentre per Italo il prezzo è di 50 euro per i cani di grossa taglia (superiore ai 10 kg) e gratis per i cani di piccola taglia muniti di trasportino. Per i primi, verrà quindi riservato un posto apposito. Buon viaggio.

Leggi anche: Dove andare con il cane: 5 idee di viaggio

Cresciuto in un piccolo paesino siciliano, sono stato un amante dei cani (e degli animali in generale) sin dalla più tenera età. Che siano di razza, incroci o “semplici” meticci, questi amici a quattro zampe riescono a cambiarti la vita e renderla migliore giorno dopo giorno.