Come pulire le orecchie del gatto

pulire orecchie gatto
Pulire le orecchie del gatto è importante perché sono una zona soggetta a sporcizia. Ecco come fare per tenerle sempre pulite. © Pixabay

L’udito dei gatti è un senso sopraffino; la bellezza e l’utilità delle loro orecchie va preservata. Sai come pulire al meglio e in modo sicuro le orecchie del tuo gatto?

- Annuncio Pubblicitario -

I gatti, si sa, sono animali molto meticolosi quando si tratta di igiene personale. Tuttavia, ci sono dei casi in cui si rende necessaria l’attività esterna dell’uomo, come nel momento in cui quest’ultimo interviene per pulire le orecchie del gatto. Nonostante l’animale non ami molto questa operazione, quest’ultima si rende tuttavia indispensabile, non solo in casi di estrema necessità (come pulire le orecchie del gatto dagli acari o come pulire la ferita all’orecchio del gatto) ma anche per una consuetudinaria igiene del gatto che deve essere effettuata con costanza nel corso dell’anno. Vediamo insieme di cosa si tratta e come pulire le orecchie del gatto.

Conoscere l’anatomia per pulire le orecchie del gatto

Tuttavia, prima di iniziare a capire come si fa, nella pratica, a pulire le orecchie del gatto è importante conoscerne la conformazione per evitare di commettere dei danni in fase di detersione.

Il padiglione auricolare del gatto è composto da più parti: prima di tutto, l’orecchio esterno, spesso definito anche la “pinna” del gatto per la sua forma a punta, che ricorda appunto l’omonimo arto dei pesci. Di solito è teso verso l’alto, ma in alcune rare razze è orientato verso l’esterno, e serve al micio per migliorare la ricezione del suono orientando l’orecchio a seconda della fonte di un rumore. Il canale auricolare o condotto uditivo, invece, è il condotto interno, di pochi centimetri di lunghezza, dove di solito si deposita gran parte del cerume ed è spesso soggetto a infezioni. L’orecchio interno, infine, è la zona più interna dell’orecchio: qui sono presenti timpano, incudine, staffa e i centri dell’equilibrio del gatto. È bene ricordare che quando si vanno a pulire le orecchie del gatto questa zona non deve essere mai coinvolta, per non compromettere l’udito dell’animale.

- Annuncio Pubblicitario -

Come riconoscere se bisogna pulire le orecchie del gatto

Come abbiamo detto, la pulizia delle orecchie del gatto dev’essere un’operazione da eseguire più volte nel corso dell’anno anche se le condizioni di salute del felino sono buone e non vi sono infezioni o accumuli di cerume nelle sue orecchie. Tuttavia, per capire se è tutto sotto controllo o se, al contrario, si rende necessaria una pulizia extra, è possibile osservare le movenze del gatto e trarre alcune prime considerazioni.

Per esempio, se il gatto si gratta l’orecchio pulito non c’è nulla da preoccuparsi, specie se quest’ultimo è rosa e non presenta pigmentazioni diverse o accumuli di sporco. Se, però, il gatto si gratta più del dovuto, ripetendo l’operazione con foga e più volte nella giornata, allora è bene controllare le orecchie per accertarsi che non vi sia accumulo di cerume o, ancora, cerume nero del gatto. Se, poi, il gatto scuoterà la testa, allora è possibile che le parti esterne contemplino la presenza di parassiti.

Come pulire le orecchie del gatto: alcune domande frequenti

Se vi state chiedendo “come posso pulire le orecchie al gatto?” vi trovate nel posto giusto. In una condizione normale per l’esterno basta prendere la soluzione detergente che di solito si usa per pulire il gatto, un po’ di acqua tiepida e un asciugamano con il quale detergere l’orecchio esterno. Per l’interno dell’orecchio, invece, è bene fare attenzione: la pulizia deve essere effettuata con una garza sterile o con un batuffolo di cotone, per poi procedere a pulire le orecchie del gatto con acqua ossigenata. In alternativa, è possibile usare un apposito prodotto per pulire le orecchie del gatto, noto come detergente auricolare, ma fate attenzione a non pulire le orecchie del gatto con olio.

- Annuncio Pubblicitario -
  • Come pulire le orecchie del gatto dagli acari? Trattandosi di insetti, è bene usare un insetticida sotto forma di apposite gocce che contengano particolari principi attivi. Per gli acari, tuttavia, i rimedi naturali sono da evitare, così come qualsiasi altro tipo di rimedio casalingo.
  • Come pulire una ferita all’orecchio del gatto?  In prima battuta è bene lavare con acqua tiepida e sapone neutro la ferita e, se necessario, tagliare il pelo con un paio di forbici disinfettate. La pulizia della ferita deve avvenire con acqua ossigenata.
  • Come pulire le orecchie del gatto in casa? Basta mettersi in un luogo comodo e accessoriato, per esempio il bagno, meglio se in un tino o nella vasca.
  • Quante volte al mese pulire le orecchie al gatto? È bene farlo con una cadenza pari a una volta ogni due settimane.

Leggi anche: Come pulire i denti del gatto: dentifricio per gatti e molto altro

Classe 1989, sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e in Storia e Critica dell'Arte all'Università degli Studi di Milano. Dopo avere frequentato la Scuola di Giornalismo Walter Tobagi di Milano, sono diventata giornalista professionista. Amo viaggiare e scrivere di Street Art e Graffiti, per questo ho aperto un blog (https://anotherscratchinthewall.com/), un'associazione culturale (Grafite HB) e tengo Street Art Tour a Milano.