Quando vanno in calore i gatti? Tutte le risposte alle tue domande sul calore dei gatti

Quando vanno in calore i gatti
Quando vanno in calore i gatti? Consigli per comprendere e affrontare il momento. ©Pixabay

L’argomento “calore” può essere piuttosto oscuro se non si è esperti, ma arriva per tutti i gatti, quindi meglio essere preparati. Qui troverai tutte le risposte alle tue domande sul calore dei gatti.

- Annuncio Pubblicitario -

Quando vanno in calore i gatti? Si tratta di un periodo delicato che viene vissuto e manifestato da gattini e gattine in modo differente. Nella guida che segue vi proponiamo tutto ciò che bisogna sapere su questo momento della vita dei nostri mici: come avviene, cosa succede, la differenza tra il calore del gatto maschio e quello della femmina, e così via. Il miglior modo per non andare in apprensione per la sua salute è conoscere come funziona l’organismo del gatto: vediamo quindi come, perché e quando vanno in calore i gatti. 

Quando avviene il primo calore del gatto?

Quando vanno in calore i gatti per la prima volta? I nostri amici felini raggiungono la loro maturità sessuale più o meno tra gli 8 e i 12 mesi, questo momento può  però variare a seconda di diversi fattori quali: il sesso, la razza e il peso. A partire dal raggiungimento di tale maturità il micio è in grado di procreare e andrà regolarmente in calore.

Differenza tra il calore del gatto maschio e della femmina

Abbiamo visto quando vanno in calore i gatti per la prima volta, ma come capire che un gatto è in calore? Non è una sfida difficile, basterà affidarsi a dei sintomi estremamente evidenti, anche se un po’ diversi tra il maschio e la femmina.
In entrambi i casi il miagolio che sembra un grido sofferto, ma che in realtà è un semplice richiamo, è un primo segnale, anche se, a onor del vero, è il gatto maschio, dal cuore tenero e romantico, a far più rumore producendosi in delle vere e proprie “serenate notturne” per la sua bella. 

La micia, dalla sua, risponderà con qualche gridolino, ma senza esagerare – è pur sempre una signora! – accompagnato da una ricerca di continua e quasi morbosa di affetto. Potrà capitare, infatti, che la gatta si accovacci porgendo all’aria il posteriore e spostando la coda, non c’è da preoccuparsi: la gattina in cerca d’amore si prepara ad accoppiarsi con il suo spasimante. Il gatto, infine, potrà segnalare alla micia la sua presenza di maschio in amore lasciandosi sfuggire qua e là qualche goccia di pipì.

- Annuncio Pubblicitario -

Ogni quanto vanno in calore i gatti? Il ciclo estrale

Per capire in che periodo dell’anno vanno in calore i gatti è necessario introdurre il concetto di ciclo estrale. 

Il ciclo estrale è il ciclo che ritma il calore nella gatta ed è costituito da diverse fasi tra cui il momento dell’estro (il calore vero e proprio) che risulta quello della maturazione dei follicoli varici con la sintesi degli estrogeni. In questo periodo la gatta è pronta per l’accoppiamento. E il gatto maschio? Il calore del micio è sempre in agguato, ma in maniera “latente”. Il suo essere pronto all’accoppiamento dipende infatti dalla presenza di femmine in calore, al richiamo delle quali il gatto non sa resistere. 

Quanto dura il calore di una gatta?

Quando vanno in calore le gatte? E per quanto tempo? Il calore della gatta dura circa una settimana. Questo si manifesta nei periodi di maggiore luce (quindi dalla primavera all’estate), mentre nei mesi invernali si torna al periodo di abbassamento della libido. Durante il periodo estivo i calori possono essere multipli e ripresentarsi a 3 o 4 settimane di distanza. Se una gatta non è sterilizzata andrà in calore periodicamente. 

Cosa fare se il gatto è in calore?

Se il gatto è in calore non c’è molto da fare. Molti padroni pensano che questo sia un periodo di grande sofferenza per i loro gatti, ma non è così. Per questo motivo non bisogna allarmarsi o cercare dei rimedi al calore del gatto. Quello a cui si può stare attenti se si vuole evitare gravidanze inattese ed indesiderate è isolare la gatta dai maschi o, nel caso in cui il micio o la micia vivano in casa, tener ben d’occhio porte e finestre perché il gatto in calore scappa alla ricerca dell’anima gemella.  

- Annuncio Pubblicitario -

Sterilizzazione del gatto

Per evitare che il gatto vada in calore è possibile ricorrere ad un intervento di sterilizzazione (ovariectomia per la femmina e orchiectomia per il maschio). Si tratta di un’operazione chirurgica di routine che non comporta praticamente alcun rischio grazie alla quale si mette fine al calore (allontanando ogni impulso sessuale), si allontana la possibilità di gravidanze indesiderate e si scongiura il pericolo che insorgano alcuni tipi di tumore. 

Attenzione: non tutti i veterinari sono favorevoli alla sterilizzazione. Prima di decidere se eseguire o meno questo intervento chiedere consiglio al vostro specialista di fiducia. 

Leggi anche: Il comportamento dei gatti castrati o sterilizzati

Profondamente innamorata dei felini, trascorro il mio tempo a limitare i danni di due fratelli combinaguai dal manto tigrato che hanno sempre voglia di giocare: Enzo e Luisa. Se esiste una vita precedente, io probabilmente sono stata un gatto.