News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

I migliori giochi per gatti piccoli

gattini che giocano advice
© Pixabay

Il gioco per i cuccioli è un momento cruciale: non solo per il suo intrattenimento, ma per la sua crescita e la sua educazione. La caccia è cruciale: scopri i giochi per gatti piccoli.

Di Clara Amodeo

Dal momento in cui si acquista o adotta, un cucciolo di gatto entra a tutti gli effetti a fare parte di una famiglia e proprio come membro di quest’ultima deve essere trattato. Ecco perché uno degli aspetti più importanti per un piccolino è la sua crescita: grazie ai giochi per gatti piccoli il cucciolo potrà crescere in modo sano e sviluppare tanto le facoltà mentali quanto quelle motorie e fisiche. Vediamo quindi insieme quali sono i giochi per gatti piccoli più adatti.

A cosa servono i giochi per gatti piccoli

Come abbiamo già avuto modo di dire, i giochi per gatti piccoli aiutano questi ultimi a sviluppare le loro facoltà, mentali e fisiche. È risaputo, infatti, che i gatti siano animali molto curiosi e che tendono a muoversi per la maggior parte della giornata alla ricerca di prede, divertimento e posti sempre nuovi da scoprire.

Un discorso di questo tipo vale a maggiore ragione per un cucciolo di gatto, che è nel pieno della sua crescita e la cui curiosità è ancora più sviluppata rispetto agli adulti. Non solo. In questa fase della loro vita, i gatti stanno sviluppando anche il loro apparato scheletrico e muscolare e non c’è niente di meglio che farlo in modo sano e regolare: ecco perché i giochi per gatti piccoli aiutano questi ultimi anche da un punto di vista motorio, specie se l’attività ludica è accompagnato da un’alimentazione corretta e da uno stile di vita sano.

E se il gatto piccolo non gioca?

Può tuttavia accadere un fatto abbastanza comune: il gatto piccolo non gioca. Qual è il motivo della negligenza? Da una parte, non c’è da preoccuparsi: specie quando sono appena nati, i gattini non hanno ancora sviluppato un apparato muscolare e scheletrico che permetta loro di compiere movimenti impegnativi e complessi.

Per questa ragione, fanno fatica a muoversi e non giocano. Tuttavia, se il gatto ha già qualche mese di vita e non manifesta alcuna voglia di impegnarsi in un’attività ludica, allora entrano in gioco altri fattori: da una parte, c’è la pigrizia. Assolutamente naturale, può essere “curata” con l’intervento del padrone che, assieme al gattino piccolo, affianca quest’ultimo nel gioco, spronandolo a muoversi e a curiosare più di quanto il cucciolo non faccia.

D’altra parte, possono essere insorti problemi fisici e psichici di maggiore entità: se il gattino non riesca a coordinare i movimenti, si dimostra disinteressato a qualunque stimolo esterno e non è portato a reagire se sollecitato dal padrone, allora è meglio rivolgersi a uno specialista per capire se c’è un problema e, qualora ci fosse, per capire di quale entità quest’ultimo può essere.

I migliori giochi per il gatto piccolo

Ma quali sono, dunque, i giochi per gatti piccoli più appropriati per questa saliente fase di vita? Iniziamo dai grandi classici dei giochi casalinghi per gatti: il topo di stoffa, sia esso “inanimato” o mosso da una carica, consente al cucciolo non solo di correre ma anche di sviluppare i riflessi e la coordinazione. Stesso discorso vale anche per la cannetta di piume, con la quale è tuttavia possibile giocare anche da fermi qualora questa sia fissata al pavimento.

Un altro gioco che migliora i riflessi e l’agilità del gatto è rappresentato da una luce che si muove e che, puntata su una qualunque superficie, vi si riflette: il gioco è più che mai casalingo e può essere messo in atto sia attraverso uno specchietto che riflette la luce del sole sia attraverso una più moderna torcia se non, addirittura, con un puntatore laser che cambia di colore. Ci sono poi i giochi per gatti fai da te: il castello di cartoncino o di compensato è quello più amato dai piccoli, che prediligono arrampicarsi e nascondersi.

Crearli è molto semplice e vi permetterà di realizzarne di diversi modelli, a più piani e con tanto di porticine e finestrelle. Il tira graffi, invece, è uno strumento necessario ai gatti in crescita per rigenerare le unghie: questo può essere realizzato partendo dal tubo della carta igienica o arrotolando e impreziosendo un giornale arrotolato.