Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Gatto sacro di Birmania

Altri nomi: Birmano

Gatto sacro di Birmania
Gatto sacro di Birmania adulto © Shutterstock

Anche se non ci sono informazioni certe circa le sue origini, il Birmano potrebbe essere un gatto francese. Il suo pelo semi-lungo e setoso ha il considerevole vantaggio di non annodarsi facilmente. Questo gatto tranquillo ama farsi coccolare, trascorrendo buona parte del suo tempo ad approfittare delle carezze del suo padrone che segue come un’ombra. Molto socievole, va d’accordo sia con i due zampe che con gli altri animali.

Informazioni principali

Speranza di vita media :

7

20

12

15

Carattere :

Affettuoso Tranquillo

Tipo di pelo :

Nudo Corto Lungo

Origine e storia del Gatto sacro di Birmania

La storia di questa razza è vaga, ma non mancano le leggende. Una di queste racconta che una coppia di Birmani venne importata in Francia da un miliardario americano dopo che questi li aveva sottratti in un tempio a Lao Tsun. Il maschio morì nel corso del viaggio ma la femmina, Sita, diede alla luce vari cuccioli tra cui Poupée de Maldapour che sarebbe poi diventato l’avo di tutti i Birmani d’Occidente. Questo gatto fu presentato all’esposizione di Parigi del 1926 ma, malgrado le molte ricerche, questa leggenda sulla sua origine non fu mai confermata. Al di là della leggenda, comunque, l’origine più probabile è quella secondo la quale questa razza fu ottenuta da incroci tra Siamesi – dei quali conserva la maggior parte delle caratteristiche – e Persiani. Probabilmente originaria della Francia (dove ebbe origine forse negli anni ’20) quella del gatto Birmano è attualmente nella top ten delle razze più popolari del mondo.

Caratteristiche fisiche del Gatto sacro di Birmania

    Taglia adulta del Gatto sacro di Birmania

    Femmina : Circa 30 cm

    Maschio : Circa 30 cm

    Il Gatto sacro di Birmania adulto raggiunge le dimensioni definitive verso l’anno d’età.

    Peso del Gatto sacro di Birmania

    Femmina : Tra 2 e 4 kg

    Maschio : Tra 4 e 6 kg

    Colore del pelo

    Nero
    Marrone
    Rosso
    Crema
    Blu

    Lunghezza pelo

    Lungo

    Colore degli occhi

    Blu

    Descrizione

    Gatto di taglia media dal corpo massiccio, ha un’ossatura molto forte e la sua testa rotonda è ornata di orecchie tanto larghe quanto alte. Le guance belle piene fanno da contorno ad un naso romano, corto e dritto. Il suo musetto non è né appuntito come quello di un Siamese né – al contrario – schiacciato come quello del Persiano. La coda cespugliosa è proporzionata al resto del corpo. La pelliccia, di media lunghezza, è setosa e – quale che sia il colore del mantello – presenta comunque un motivo coulourpoint con zampe – di media lunghezza – impreziosite da guantini bianchi su estremità tondeggianti e grandi.

    Bene a sapersi

    Il pelo del Birmano è molto particolare perché non si annoda mai! Per questo gli esemplari di questa razza sono i compagni ideali di quanti amano i gatti dal pelo vaporoso ma non hanno la pazienza (o il tempo) per sottoporli a sessioni di spazzolate quotidiane.

    Carattere del Gatto sacro di Birmania

    • 100%

      Fa le moine

      Dolce e affettuoso, ama molto le sessioni di carezze e dimostra il suo apprezzamento facendo tantissime fusa rumorose.

    • 66%

      Giocherellone

      Vivace e giocherellone sarà felice di condividere qualche momento di gioco con i suoi umani che, in ogni caso, ama seguire ovunque!

    • 100%

      Tranquillo

      Questo gatto flemmatico passerà più tempo a rilassarsi in un luogo accogliente che a commettere marachelle!

    • 66%

      Intelligente

      Piuttosto curioso, imparerà volentieri a fare dei piccoli percorsi se gli saranno proposte sessioni di giochi didattici con regolarità.

    • 66%

      Pauroso/sospettoso con gli estranei

      Talvolta un po’ timido ma più spesso curioso, s’intende generalmente bene con chiunque: la sua eventuale diffidenza dipenderà molto dall’addestramento alla socializzazione che avrà ricevuto quand’era solo un gatto sacro della Birmania cucciolo.

    • 33%

      Indipendente

      È tutt’altro che indipendente, apprezza molto la compagnia degli umani e degli altri animali ma sopporta male la solitudine.

      Comportamento del Gatto sacro di Birmania

      • 100%

        Loquace

        Riempirà la casa con i suoi dolci miagolii per attirare l’attenzione degli amici umani.

      • 66%

        Bisogno di esercizio

        Per stare bene avrà bisogno di vivere in un ambiente sufficientemente stimolante dal punto di vista mentale e fisico.

      • 33%

        Tendenza a scappare

        Anche se, in generale, potrebbe non disdegnare qualche avventurosa scorribanda all’esterno, il suo lato più appiccicoso non gli consentirà di allontanarsi troppo da casa sua se qui è felice.

      • 33%

        Goloso/ghiottone

        Non è goloso è, al contrario, piuttosto selettivo dal punto di vista dell’alimentazione.

        Non sai quale scegliere? Ti piacciono tutte? Wamiz ti aiuta a trovare le razze di gatti che ti corrispondono!

        Fai il test

        Compatibilità

        • 100%

          Convivenza con i gatti

          Il Birmano cucciolo o adulto che sia, apprezza parecchio la compagnia dei suoi simili.

        • 100%

          Convivenza con i cani

          Dopo una bella presentazione – e se il Gatto sacro di Birmania cucciolo ha ricevuto un buon addestramento alla socializzazione – diventerà il fedele seguace dei cani di casa.

        • 100%

          Adatto ai bambini

          Gatto da compagnia per eccellenza, è adattissimo anche ai bambini a patto che questi imparino a rispettare i suoi bisogni e a comprendere i segnali che invierà loro.

        • 100%

          I Gatti sacri di Birmania e le persone anziane

          La sua dolcezza e la sua calma lo rendono un ottimo compagno per persone tranquille, sulle ginocchia delle quali adorerà stanziarsi per lasciarsi coccolare a condizione, ovviamente, che i momenti di gioco più vivace non vengano mai a mancare.

          Prezzo del Gatto sacro di Birmania

          Il costo del Gatto sacro di Birmania è compreso, generalmente, tra gli 800 e i 1300 euro e varia a seconda del pedigree, del sesso e dell’età. Per il suo mantenimento mensile è bene preventivare un budget medio di circa 30 euro.

          Toelettatura e cura del Gatto sacro di Birmania

          La cura del mantello non richiede attenzioni particolari all’infuori di regolari spazzolate settimanali. Durante la toelettatura sarà bene pulire gli occhi e le orecchie.

          Perdita di pelo

          Non perde molto pelo nemmeno nel periodo della muta, ma delle spazzolate regolari saranno comunque utili per evitare problemi digestivi legati all’ingestione di palle di pelo.

          Alimentazione del Gatto sacro di Birmania

          Gatto dal palato molto fine, è parecchio selettivo a proposito dell’alimentazione ed esige una dieta di qualità che potrà essere a base di cibo umido o di crocchette.

          Salute del Gatto sacro di Birmania

          Speranza di vita media

          La speranza di vita media varia tra i 12 e i 15 anni circa.

          Costituzione

          La sua pelliccia di media lunghezza gli permette di sopportare bene sia il caldo che il freddo.

          Tendenza ad ingrassare

          Non ha una particolare tendenza ad ingrassare, ma ha bisogno di tenersi in attività per conservare il suo peso forma. Un’alimentazione adatta alla sua età e alle sue abitudini fisiche contribuirà a minimizzare il rischio che il suo peso aumenti eccessivamente.

          Malattie frequenti

          Come molte altre razze feline, anche quella dei Birmani è predisposta a sviluppare certe particolari malattie ereditarie che possono essere comunque diagnosticate attraverso esami del sangue della saliva.

          • Malattia policistica renale: delle cisti appaiono progressivamente e lentamente sui reni interferendo sul loro corretto funzionamento;
          • Cardiomiopatia ipertrofica: malattia cardiaca che si caratterizza per un inspessimento del miocardio;
          • Mucopolisaccaridosi tipo VI: malattia genetica che porta ad anomalie scheletriche.

           
          Può anche sviluppare tutte quelle patologie diffuse tra i comuni gatti domestici come, per esempio, quelle orali. Nel Birmano adulto - indicativamente dopo i sette anni di età - è consigliabile sorvegliare attentamente lo stato di salute sottoponendolo annualmente ad un bilancio di salute dal veterinario.

          Riproduzione

          I cuccioli di gatto sacro della Birmania nascono completamente bianchi e il loro motivo caratteristico non compare se non qualche giorno dopo salvo poi continuare a scurirsi fin verso i 2, 3 anni. Nel rispetto degli standard, i Birmani cuccioli possono nascere solo dall’accoppiamento di due gatti della stessa razza.

          Nomi per un Gatto sacro di Birmania

          Tra i nomi per un Birmano maschio si potrà scegliere Biri o Manno, per una femmina invece si potrà optare per Musetta o Coccola.

          Ritrova tutte le idee di nomi per il tuo gatto qui