News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Si può dare il melone al cane o fa male?

melone-al-cane advice © Pixabay

Il melone è ricco di elementi preziosi per l'alimentazione del cane ma deve essere proposto con parsimonia e solo dopo essere stato pulito con attenzione.

Di Eleonora Chiais

Se lo chiedono in molti e, come tutti gli interrogativi relativi all'alimentazione di Fido, il dubbio è legittimo: si può dare il melone al cane o fa male? Ecco tutto quello che c'è da sapere su come, quando e perché proporre questo frutto nella dieta del fedele quattrozampe.

Il cane può mangiare il melone?

Una volta per tutte la risposta è sì, i cani possono mangiare il melone a patto - ovviamente - che questo ghiottissimo frutto arancione sia servito (e quindi consumato) con moderazione. Il melone, infatti, è molto nutriente e contiene una serie di elementi preziosi che vanno dalle vitamine A (preziosa per la vista), B e C (che rafforza il sistema immunitario stimolando i globuli bianchi e agendo come antiossidante) fino alle fibre, dal magnesio fino all'acido pantotenico e all'acido folico. Non solo. Questi frutti adattissimi alla dieta per la calura estiva, infatti, contengono anche potassio che aiuta il corretto funzionamento gastrointestinale di Fido, ma anche i suoi muscoli, compreso il cuore.

Controindicazioni del melone ai cani

Attenzione, però. Il melone, come molti altri frutti, contiene una gran quantità di zuccheri naturali e dunque è controindicato nell'alimentazione dei cani che soffrono di diabete. I suoi semi, poi, contengono cianuro - una sostanza velenosa - e dunque è assolutamente indispensabile rimuoverli con cura prima di mettere il frutto nella ciotola del cane di casa. Terzo e ultimo, poi, anche il melone al cane - come tutte le altre novità alimentari - deve essere introdotto nell'alimentazione di Fido con calma perché è indispensabile che i cani approccino lentamente ai nuovi alimenti. Per iniziare, quindi, sarà bene schiacciarne qualche pezzo mescolandolo al pasto abituale per vagliare il gradimento del cane di casa.