News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

50 anni fa lo sbarco sulla luna: omaggio a Laïka

cane nella navicella spaziale
© Shutterstock

In occasione del 50° anniversario del primo passo dell'uomo sulla luna, Wamiz rende omaggio al cane russo Laïka, il primo cane ad aver viaggiato nello spazio!

Di Anna Paola Bellini, 28 lug 2019

Il 3 novembre 1957, il cagnolino Laïka fece un grande viaggio a bordo dello Sputnik II. Chi era il primo cane che è andato nello spazio? Come ha iniziato questo viaggio? Tutte le risposte a queste (ed altre) domande!

Laïka, il primo cane ad aver viaggiato nello spazio!

Nel 1957 iniziò la corsa allo spazio iniziata dall'URSS e dagli Stati Uniti, i due rivali della guerra fredda. Il 4 ottobre, il primo satellite artificiale fu messo in orbita dai sovietici. E solo un mese dopo, il 3 novembre, il primo cane fu mandato nello spazio: Laïka, un cane di incredibile coraggio e il primo astronauta della storia!

Laïka era un incrocio tra un Husky e un Terrier. È stata trovata a vagare per le strade di Mosca dove è stata recuperata per il programma di viaggi nello spazio.
Di soli sei chili, e con un carattere obbediente e aperto, ha soddisfatto i requisiti di base del programma spaziale.

Abbiamo addestrato il cane a stare in piccoli spazi. Ha trascorso un po 'di tempo in gabbie sempre più piccole per simulare la ristrettezza del futuro veicolo spaziale. Deve essere stato estremamente stressante per lei, ma si è concentrata molto sul suo allenamento

Completato l'addestramento intensivo, la cagnolina fu imbarcato a bordo dello Sputnik II il 3 novembre 1957, purtroppo per non tornare mai più sulla Terra.

La sorte di Laïka

Per molto tempo, non si è saputo cosa fosse successo a Laïka. Tuttavia, ora sappiamo che è morta il primo giorno del suo lungo viaggio.

Laïka era dotata non solo di una tuta spaziale, ma anche di sensori che documentavano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna e. Durante il viaggio, presto divenne chiaro che la cagnolina aveva molta paura (isuo cuore batteva tre volte più veloce del solito).

Il primo cane nello spazio riuscì a calmarsi un po 'quando la capsula arrivò nell'orbita terrestre tre ore dopo, ma ciò non bastò. La capsula spaziale raggiunse rapidamente la temperatura di 41°, perché l'esterno non era sufficientemente protetto dal calore. Un vero incubo per la cagnolina. Laïka non ha sopportato la pressione, il calore e lo stress ed è morta solo sette ore dopo il lancio della capsula spaziale.

Tuttavia, i funzionari del progetto hanno lasciato il corpo del cane per 162 giorni nello spazio prima che bruciasse nell'atmosfera. I sovietici dissero che era stato pianificato di nutrire Laïka con cibo avvelenato dopo sette o dieci giorni al fine di praticare l’eutanasia per proteggerla da una morte dolorosa durante il reinserimento della capsula nell'atmosfera terrestre. Il decesso dell'animale era, comunque previsto.

Il team incaricato di questo progetto di conquista dello spazio ha comunicato false informazioni sullo stato di salute del cane durante il viaggio, mentre era già morta dopo la partenza. Fu solo nel 2002 che fu rivelata la vera storia della dolorosa morte di Laïka.

Dal 1964, Laïka è apparsa sul Monumento ai conquistatori dello spazio di Mosca e nel 2008 è stata eretta una statua in suo onore nella capitale russa.

I rimpianti degli scienziati

Le persone che hanno lavorato con Laïka hanno espresso il loro rammarico per sua sorte. Adilia Kotovskaya, una biologa russa, ha raccontato i suoi addii strazianti con la piccola cagnolina: 
«Le ho chiesto di perdonarci e ho pianto, accarezzandola per l'ultima volta».

Oleg Gazenko, lo scienziato a capo della missione, ha dichiarato: «Il lavoro con gli animali è stato fonte di sofferenza per tutti noi ... (...) Più passa il tempo, più mi dispiace per tutto ciò, non avremmo dovuto farlo. imparato da questa missione per giustificare la morte del cane». 

Tuttavia, possiamo trovare conforto in questa triste storia sapendo che Laïka ha avuto l'opportunità di divertirsi un po' prima del suo viaggio, trascorrendo i suoi ultimi giorni giocando, respirando aria fresca e riempiendosi di coccole di tutte gli scienziati.

Gli animali andati nello spazio

Laïka è stato il primo cane nello spazio, ma non l'unico. Dopo altri viaggi che hanno sacrificato altri animali, i primi cani a sopravvivere al volo spaziale in tutto il mondo furono Belka e Strelka.

Dopo aver trascorso una giornata nello spazio a bordo dello Sputnik 5 nel 1960 con un coniglio grigio, due ratti, quaranta topi e piante, funghi e mosche, Belka e Strelka hanno fatto la storia tornando sulla Terra sani e salvi.

Una grande prima volta resa possibile in parte grazie a Laïka
E nel 1961, appena quattro anni dopo il viaggio di Laïka, Yuri Gagarin fece il giro del mondo in 108 minuti.

Quindi ogni volta che pensiamo ai rischi assunti dagli astronauti coraggiosi, pensiamo a Laïka e a tutti gli altri animali che si sono sacrificati per la corsa alla conquista dello spazio.