Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Pitbull ringhia nella notte: il motivo è agghiacciante

Nel cuore della notte, Tracy viene risvegliata dal ringhio del suo fedele amico a quattro zampe di razza Pitbull. Quando scopre il perché, chiama l’ambulanza.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 09/11/20, 07:28

Quando i componenti della famiglia Daniels decidono di adottare un cane, sanno già di volere un altro Pitbull. I coniugi avevano già avuto questo tipo di cane e si erano trovati talmente bene da volerne adottare uno molto simile.

Così nel 2014 si recano all’associazione Adore-A-Bull Rescue di Cincinnati (USA) e adottano la piccola Ember.

Tutti sanno già che la convivenza sarà magnifica, ma nessuno si sarebbe mai aspettato che Ember avrebbe avuto un impatto tanto decisivo per uno dei figli della coppia.

Un ringhio in piena notte

Tutto ha inizio nel cuore della notte quando circa un anno dopo dall’adozione di Ember, la cagnolina che sembrava essere un’amica a quattro zampe modello, inizia a ringhiare in maniera insolita ai piedi del letto di Tracy Daniels.

La donna allora si sveglia di colpo e cerca di invitare Ember a tornare a dormire. Quando però diversi minuti dopo nota che la cagnolina non lascia l’affare, decide di alzarsi e con la preoccupazione negli occhi, la segue attraverso i corridoi dell’abitazione.

Pochi attimi dopo, tutto diventa più chiaro. Due stanze più in là, scorge il figlio maggiore di appena 10 anni svenuto e riverso nella vasca da bagno. 
Senza esitare, Tracy corre verso il telefono e chiama l’ambulanza.

Una vera e propria eroina

Se in seguito a quell’episodio il piccolo Tre non ha avuto ripercussioni gravi, è solo merito della piccola Ember.

La cagnolina è stata in grado di comprendere il pericolo e con calma e sangue freddo ha fatto esattamente la cosa giusta al momento giusto.

Anche se in fin dei conti tutto si è risolto per il meglio, ad oggi Ember ha cambiato atteggiamento nei confronti del bambino: non lo perde mai di vista, dorme insieme a lui, lo osserva mentre studia e ci gioca con prudenza.

Il bambino è proprio fortunato ad avere un angelo custode del genere al suo fianco.