Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Il gatto ha paura dei fuochi d'artificio: cosa fare

Stellina di Capodanno advice

Come comportarsi se il gatto ha paura dei fuochi d'artificio?

© Pixabay

Il gatto ha paura dei fuochi d'artificio e non sapete cosa fare? Ecco qualche consiglio utile per affrontare lo spavento del felino ed essere preparati per qualsiasi evenienza.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 11/08/20, 16:12

Il gatto ha paura dei fuochi d'artificio, si sa. Effettivamente i botti non piacciono a nessun animale e al tuo amico a quattro zampe ancor meno.

Non è facile, infatti, controllare un felino spaventato durante i festeggiamenti di un'occasione che prevede fuochi artificiali, come le feste estive o la notte di capodanno.

La situazione, poi, si complica se il gatto si trova da solo e non ha nessuno che lo aiuti a calmarsi.

Perché il gatto ha paura dei fuochi d'artificio?

Il forte boato, i lampi di luce e il forte odore nell'aria sono davvero terrorizzanti per un animale come il gatto.

In realtà spaventano anche i cani e gli animali più coraggiosi, ma il gatto, per la sua particolare sensibilità agli stimoli esterni, soffre ancora di più il disagio.

Il gatto è un animale particolarmente timoroso, spesso si impaurisce facilmente ed è molte volte guardingo e attento a quello che gli accade intorno.

Quando sente anche solo dei fruscii sospetti ed inaspettati si mette subito sulla difensiva e sente una situazione di pericolo anche dove spesso non c'è.

Nonostante le sue famose e leggendarie 7 vite, il gatto non è un coraggioso, e forse è proprio questo suo essere sempre allerta che gli fa scampare le situazioni pericolose, regalandogli la nomina dell'animale dalle molteplici vite, appunto.

Lo straordinario udito del gatto

Quando ascoltiamo un suono lo valutiamo per quella che è la nostra percezione e capacità uditiva etichettandolo come forte o debole.

Ma se dovessimo correlare l'intensità del suono alla capacità uditiva di un nostro particolare coinquilino peloso? Il gatto percepisce suoni a frequenze che raggiungono i 64 Khz, più del triplo della sensibilità dell'orecchio umano.

Questo ci può far desumere facilmente quanto forte possano percepire suoni echeggianti ed esplosivi come quelli dei tuoni, delle esplosioni e dei fuochi d'artificio.

Un rumore forte per noi, come i botti di Capodanno o delle feste estive, rappresenta praticamente un'esplosione di onde sonore per i nostri animali domestici.

Come aiutare un gatto spaventato?

La soluzione migliore è quella di lasciarlo tranquillo, sicuramente troverà uno spazio in casa in cui nascondersi fino a che la situazione che lo agita non sarà passata.

Non prendetelo in braccio e non cercate di accarezzarlo insistentemente, si sentirebbe bloccato e ancora più in pericolo.

Aiutare un gatto spaventato non è affatto semplice. A differenza degli altri animali, come il cane, ad esempio, il felino cade in una sorta di panico che lo fa schizzare avanti e indietro per la stanza, terrorizzato.

Come calmare il gatto che ha paura dei fuochi d'artificio?

Le uniche cose che si possono fare se il gatto ha paura dei fuochi d'artificio sono delle piccole accortezze che possono rivelarsi utili:

  • Diffondete nell'aria olio essenziale alla lavanda, calmante naturale e utile per mitigare gli attacchi d'ansia.
  • Contrastate il forte rumore dei fuochi con della musica o con la tv, in modo che il boato non sia troppo percepibile.
  • Lasciate che il gatto trovi uno spazio in cui si senta tranquillo e fate in modo che sia sempre libero, soprattutto per i momenti di necessità.

I suoni forti possono dare problemi di salute?

Il suono intenso e riecheggiante dei fuochi d'artificio può provocare problemi di salute al gatto? La risposta dipende dallo stato di salute del soggetto.

Se parliamo di un soggetto in salute non dovrebbero presentarsi particolari problemi dal momento che parliamo di carnivori domestici predatori che, per natura, sarebbero abituati ad una vita ricca di emozioni e adrenalina.

Il discorso cambia se il gatto presenta problematiche soprattutto cardiache: un eccessivo spavento potrebbe risultare letale.

Un soggetto cardiopatico (sia esso un cane, un gatto o un essere umano) non può sopportare spaventi o agitazioni eccessivi per evitare infarti o aritmie gravi.

Per questo motivo è indispensabile seguire e tranquillizzare il proprio gatto quando ci si trova nel bel mezzo di festeggiamenti pirotecnici.

---

Articolo revisionato da

giuseppe-terlizzi 



Giuseppe Terlizzi
Medico veterinario

Leggi anche