Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Come diventare volontario in canile? Requisiti e modalità

ragazzo volontario in canile con cane

Ecco spiegato passo passo come diventare volontario in canile.

© Mark Nazh / Shutterstock

Se sei appassionato di cani, non puoi avere un animale in casa ma desideri aiutare quelli in difficoltà, scopri come diventare volontario in canile!

Di Ilenia Colombo

aggiornato il

Come diventare volontario in canile? Anche se non esiste un iter specifico in merito, occorre informarsi d'anticipo.

Questo al fine di conoscere tutte le modalità per entrare a far parte del team di collaboratori presso canili, gattili o associazioni dedicate al benessere degli animali.

I benefici apportati dai cani in quanto animali da compagnia

Gli animali presenti nei canili e nei rifugi sono tantissimi. Per questo è importante dare il proprio contributo, aiutando le strutture e le persone che se ne occupano.

Il randagismo in Italia

Si contano oltre 500 mila animali randagi in tutta Italia. Un numero esorbitante che fa riflettere sulla drammatica situazione nel Belpaese.

Il fenomeno del randagismo in Italia è dovuto principalmente agli abbandoni, che aumentano in estate.

Per far fronte a ciò, gli animali erranti vengono accolti da strutture dedicate al benessere dei quattrozampe.

Senza entrare nell’argomento, andiamo a scoprire come diventare volontario in canile e come aiutare i collaboratori di canili e rifugi che ne hanno tanto bisogno!

Sarà anche un’occasione per fare del bene, specialmente adesso che si avvicina il periodo natalizio.

Prima di tutto, però, andiamo a scoprire cosa sono i canili e la differenza tra un canile e un rifugio.

La differenza tra un canile e un rifugio per animali

Canili e rifugi spesso vengono confusi. Tra le due strutture, accumunate dal fatto che si occupano di recuperare e accogliere i cani e i gatti bisognosi, presentano alcune differenze tra di loro.

Tutti gli altri enti sono privati e comprendono asili, pensioni, strutture per l'allevamento e strutture zoofile.

Cosa sono e quali funzioni hanno i canili?

Un canile è un luogo di accoglienza per gli animali randagi creati e gestiti da province e comuni.

I canili sono quindi finanziati dalle istituzioni - non sono associazioni o ONG - e i collaboratori che vi lavorano percepiscono uno stipendio.

La legge italiana garantisce la tutela della vita animale. La Legge n. 281/1991 prevede infatti che:

«I cani vaganti ritrovati, catturati o comunque ricoverati presso le strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, non possono essere soppressi».

Questo contrariamente a quanto avviene in altri Paesi europei e del mondo dove cani e gatti vengono soppressi dopo un certo numero di giorni trascorsi in struttura.

Cosa sono e a cosa servono i rifugi per animali?

A differenza del canile, il rifugio è gestito da volontari. Queste splendide persone, senza essere remunerate, investono tempo, amore e denaro a beneficio degli animali più sfortunati.

Gestiti da associazioni no-profit, i rifugi, oltre alle attività di recupero e tutela dei quattrozampe, si occupano di sensibilizzare la gente alle adozioni attraverso campagne promozionali in tutta Italia.

Sono davvero tanti gli animali ospitati nei canili italiani e le strutture che hanno sempre più bisogno di nuovi collaboratori. Ecco quindi come aiutarli concretamente donando loro un po’ del tuo tempo e del tuo amore.

Come diventare volontario in canile?

Il primo passo da compiere per diventare volontario in canile consiste nel recarsi presso lo sportello degli animali d’affezione delle ASL della propria città al fine di conoscere i servizi locali preposti alla tutela animale e ambientale.

In secondo luogo, è possibile visitare le strutture che più possono corrispondere alle nostre aspettative, in modo tale da conoscere come funzionano e i compiti che svolgono.

I requisiti e le qualità per diventare volontario cinofilo

I requisiti per diventare volontario cinofilo sono in genere la maggiore età, l'assenza di precedenti penali.

Le associazioni e gli enti privati (come Enpa, Lav, Leidaa, Oipa, Lndc) possono inoltre richiedere il contributo di una quota associativa, ovvero un'assicurazione a carico del volontario in caso di lesioni avvenute a contatto con gli animali del rifugio.

Scopri come adottare un cagnolino abbandonato

Le doti che occorrono per diventare volontario in canile sono la voglia di impegnarsi, la serietà, spirito di squadra, flessibilità e adattabilità, oltre ovviamente all'amore sconfinato per i nostri amici animali.

Le mansioni di un volontario al canile

Le eventuali mansioni che un volontario cinofilo è portato a svolgere all'interno di un canile (o gattile) sono:

  • Passeggiata quotidiana con i cani;
  • Lavaggio e pulizia generali;
  • Recupero di animali (per quelli un po' più difficili è prevista la presenza di un veterinario comportamentalista);
  • Compiti amministrativi (come gestione delle visite al canile, controlli post-affido, gestione della documentazione).

Gli altri modi per aiutare i rifugi per animali

Abbiamo visto che è abbastanza semplice diventare volontario in canile. Perché quindi non unirsi alle associazioni animaliste che, soprattutto durante le feste di Natale, organizzano molti eventi relativi alle adozioni consapevoli e responsabili?

Un animale non è un oggetto ma un essere vivente senziente. Difendiamolo e amiamolo: è tutto ciò che chiede!

Oltre a diventare volontario in canile, esistono anche diversi altri modi per aiutare gli animali bisognosi: fare una donazione, organizzare una raccolta fondi, partecipare ad eventi benefici... Tutto è ben accetto!

Sei membro di un'associazione animalista o di un rifugio per animali? Registrali gratuitamente qui al fine di massimizzare le adozioni!

 

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare