Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

4 regole da seguire per un gatto in salute

gatto-relax-in-istituto-di-bellezza

Serve l'istituto di bellezza per un gatto in salute? No, bastano 4 semplici regole.

© Olga Smolyak / Shutterstock

Le ultime stime ci dicono che nelle nostre case ci sono addirittura 7,3 milioni di gatti! Ecco le 4 regole da seguire per avere un gatto in salute.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 19/02/21, 19:16

Indipendenti (ma non troppo), delicati, curiosi, giocosi ed estremamente affascinati, i gatti sono riusciti a imporsi nelle nostre vite tanto che oggi sarebbe impensabile per noi non occuparci di loro.

Avere un gatto in salute è quello che tutti i proprietari si augurano. Ma i mici, come tutti gli animali, possono essere inclini alle malattie e subire con il tempo il declino progressivo della forma fisica.

Ci sono però regole generali di vita che possono aiutare a tenere in forma il tuo gatto e a farlo vivere più a lungo. Eccole qua!

1. Un gatto in salute è un gatto nutrito bene

Per essere in forma, un gatto ha bisogno di un cibo adatto alle sue esigenze. Sterilizzato o no, giovane o anziano, attivo o pigro. Le sue esigenze nutrizionali cambiano a seconda del suo modo di essere e della fase della vita che sta vivendo.

Quindi, per garantirgli una bella e lunga vita, è consigliabile alimentarlo secondo tre criteri:

  • la sua condizione (castrato o no),
  • la sua età (un gatto giovane spende più energia di un gatto anziano, quindi ha bisogno di un cibo più ricco),
  • il suo peso (prendersi cura di lui significa assicurarsi che eviti un potenziale sovrappeso).

D'altra parte, bisogna tenere sempre presente che il gatto - anche se addomesticato - rimane nell'anima un predatore e, ricordiamolo, è un carnivoro! Le sue giornate, si sa, sono divise tra il dormire e il mangiare. È buona cosa quindi lasciargli acqua fresca e cibo a volontà. Si saprà regolare da solo.

Anche una cura di probiotici specifici per gatti di tanto in tanto, soprattutto in inverno quando il suo sistema immunitario è più debole, può essere un buon supporto al suo benessere: nel microbiota i batteri intestinali benefici che facilitano le funzioni digestive ne risulteranno rafforzati, così come il sistema immunitario.

Probiotici e sistema immunitario più forte: ecco come funziona

2. Un gatto in salute è un gatto pulito

Lo sapevi? Un bel pelo nei gatti (come nei cani!) è generalmente sinonimo di uno stato di salute ottimale. Al di là dell'aspetto fisico, per il benessere del tuo animale domestico, si deve fare attenzione anche a ciò che che lo rende così attraente ai nostri occhi: il suo pelo.

La pulizia passa dall'alimentazione...

Primo passo: il cibo adatto. Proteine, carboidrati, fibre, acidi grassi... tutti questi elementi devono essere presenti nella sua alimentazione quotidiana perché sono essenziali per il benessere interiore e l'aspetto esteriore del tuo gatto.

Bisogna quindi fare attenzione al suo fabbisogno nutrizionale e leggere bene le etichette nella confezione del cibo che hai scelto per il tuo micio. In caso di dubbio, chiedi informazioni al veterinario.

La pulizia passa dalla cura del pelo!

Inoltre, per garantire un pelo sano, morbido e lucido, si consiglia di spazzolarlo regolarmente. Infatti questo gesto permetterà di rimuovere il pelo morto che la sua lingua ruvida non ha potuto eliminare, permettendo così al mantello di «respirare».

3. Un gatto in salute è un gatto attivo

Mangiare e muoversi. Queste due parole si applicano tanto all'uomo che al gatto. Per essere in forma, un felino ha bisogno di movimento.

Quindi, non esitate a stimolarlo attraverso il gioco, fondamentale per fargli spendere energie, bruciare calorie e per preservare la sua salute fisica e mentale.

4. Un gatto in salute è un gatto ben curato

Questa regola può sembrare ovvia, ma è importante ricordare che per tutelare il benessere del micio e permettergli di vivere tanti anni felici al tuo fianco, è importante portarlo regolarmente dal veterinario.

Durante la visita annuale, oltre ai controlli di rito, dovrà anche essere vaccinato.

Si raccomanda anche di sverminarlo, somministrandogli regolarmente il vermifugo e di applicare antiparassitari in caso di bisogno per proteggere il micio da vermi, pulci e zecche.