Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

In cosa consiste il vaccino contro la leishmaniosi?

cane dal veterinario advice

Scopriamo insieme i vaccini contro la leishmaniosi per prevenirla.

© Pixabay

Zoonosi particolarmente sviluppata nei Paesi del Mediterraneo, essendo facilmente trasmissibile e fatale per il cane, sono stati messi a punto e commercializzati due vaccini contro la leishmaniosi, scopriamo di più.

Di Serena Esposito

Pubblicato il 06/04/20, 22:41

I vaccini contro la leishmaniosi canina servono a prevenire tale malattia trasmessa da un parassita, il protozoo Leishmania Infantum, il cui vettore risulta essere il comune flebotomo (o pappatacio).

La sua incidenza in zone endemiche come l’Europa Mediterranea è particolarmente rilevante, l’insetto tende a pungere da maggio ad ottobre, inoculando il parassita all’interno dell’organismo del cane, dove completa il proprio ciclo vitale, inducendo nell’animale il verificarsi della patologia.

Per saperne di più: Cos'è la leishmaniosi canina?

Come prevenire la leishmaniosi?

Essendo una parassitosi, la leishmaniosi è una malattia che risulta particolarmente difficile da debellare, pertanto la prevenzione viene ad essere considerata l’arma migliore per difendere il proprio amico a 4 zampe. 

In Europa sono stati commercializzati due tipi di vaccini, che agiscono in maniera diversa e che andremo ad illustrare.

Per prevenire possiamo dunque attuare le seguenti misure:

  • Difendere Fido con un repellente: collari, pipette, spot on, olio di neem;
  • Stimolare la risposta immunitaria con integratori che intensificano le sue difese aspecifiche;
  • Educare il sistema immunitario con la somministrazione di un vaccino, per ottenere una risposta specifica.

Quale vaccino contro la Leishamniosi scegliere?

I vaccini agiscono istruendo il sistema immunitario a difendersi da una malattia, permettendogli di sviluppare delle difese specifiche in risposta ad essa, mediante l’introduzione nell’organismo di una forma incompleta o attenuata del virus, o del batterio.

Trattandosi tuttavia di un parassita, il vaccino contro Leishmania Infantum, ha fatto sorgere molti dubbi sulla sua efficacia e sulla sua sicurezza.

CaniLeish, il primo vaccino commercializzato

CaniLeish è stato commercializzato in Europa nel 2011 dalla casa farmaceutica Virbac, e consiste in una miscela di proteine escrete e secrete di Leishmania Infantum, più una molecola che funge da principio attivo adiuvante.

Il vaccino ha lo scopo di indurre una immunità cellulo-mediata a lunga durata nell’individuo, le cui cellule dendritiche del sistema immunitario presenteranno l’antigene costituito dalle proteine di Leishmania Infantum, ai linfociti T.

La profilassi vaccinale, va effettuata previa analisi del sangue ed in seguito a prelievo sierologico del cane per accertare la sua negatività al parassita, e consiste di una prima somministrazione, cui seguiranno altre due somministrazioni dopo 3 e 6 settimane. In seguito vanno fatti richiami annuali per consentire al vaccino di restare efficace.

È consigliabile vaccinare cani che hanno compiuto i 6 mesi d’età, preferibilmente nel periodo invernale.

I possibili effetti collaterali, principalmente dovuti alla presenza della molecola adiuvante sono:

  • Reazioni di ipersensibilità, quali prurito, edema.
  • Dolori dovuti ad infiammazione locale.
  • Reazioni tipiche conseguenti a tutti i vaccini quali apatia, aumento di temperatura, vomito, diarrea.
  • Decremento della pressione arteriosa.

Letifend

Letifend è stato commercializzato nel 2016 da MSD Animal Health, ed è costituito dalla proteina Q ricombinante (ingegnerizzata in laboratorio), comprendente diversi frammenti proteici di Leishmania Infantum.

Non avendo bisogno della presenza di una molecola adiuvante per scatenare una reazione immunitaria, questo vaccino ha degli effetti collaterali limitati agli effetti che ogni vaccino ha sul cane, quali indolenzimento e apatia.

La profilassi vaccinale, da effettuarsi sempre previa analisi del sangue, deve intendersi sul cane risultato negativo al test sierologici per il parassita, e consiste in una unica somministrazione, cui seguiranno richiami ogni anno.

L’immunità insorge dopo 4 settimane e garantisce un’efficacia del 72%; anche in questo caso si consiglia la vaccinazione dopo i 6 mesi.

Costi dei vaccini

Canileish, il primo vaccino descritto, ha un costo che oscilla tra i 250 e i 300€, in quanto comprende le tre vaccinazioni iniziali; per quanto riguarda il secondo vaccino descritto, Letifend, esso ha un costo pari a circa 70/90€, comprendendo solo una somministrazione.

In ogni caso la spesa è da considerarsi ripetuta annualmente, è bene comunque confrontarsi col proprio veterinario di fiducia, sia per l’acquisto che per la somministrazione.

Vaccino sì o no?

Gli studi effettuati prima della commercializzazione dei vaccini sopradescritti, hanno confermato la loro totale sicurezza, e la loro efficacia, sebbene essa risulti inferiore al 100%: ciò è dovuto esclusivamente al carattere parassitario di questi vaccini.

Sicuramente proteggere il nostro Fido con tutte le armi che la scienza ci mette a disposizione è la scelta più saggia, ancor di più se si tratta di profilassi sicure ed innocue.

Intanto la ricerca in tal senso procede, e ha raggiunto la messa a punto di un nuovo potenziale farmaco contro la leishmaniosi.

Non dimenticate, però, che il miglior consiglio dato è quello del vostro veterinario di fiducia che conosce caso per caso la situazione dei vostri amici a quattro zampe!