News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

Come aiutare il cane ad affrontare la morte del padrone

Foto di cane triste sdraiato in bianco e nero advice
© Pixabay

Ecco come aiutare il cane dopo la morte del padrone. Affrontare il lutto può essere molto difficile anche per i nostri amici a quattro zampe ecco perché non bisogna mai lasciarli nella loro solitudine.

Di Anna Paola Bellini

Quante volte abbiamo sentito storie di cani che non riuscivano ad accettare la morte del loro padrone adorato e hanno pianto giorno e notte sulla sua tomba? Come possiamo far sì che Fido affronti nelle migliori condizioni possibile il lutto? Ecco qualche consiglio. 

Prevedere un futuro per Fido

Un cane è per molti un membro della famiglia a pieno titolo. Così quando un padrone muore è necessario pensare alle opzioni che si presentano per il nostro amico peloso in modo da poter lasciarlo in buone mani. Lo stesso discorso vale se Fido dovrà restare da solo molto tempo perché il suo umano dovrà essere ricoverato in ospedale.

Come fare

Si consiglia in questi casi, di prevedere in anticipo alla sistemazione di Fido cercando una famiglia di adozione per evitare che si ritrovi da solo senza un posto dove vivere in seguito alla morte del padrone. 

Il cane deve avere legami con tutti

In caso di morte di uno dei padroni, ma non solo, è bene che il cane abbia una buona relazione con il resto della famiglia. Fido si adatta facilmente e rapidamente ad un eventuale “cambio di padrone” a condizione che il suo umano gli dia affetto e soddisfi i suoi bisogni.

Il consiglio

Si consiglia, per consolidare il rapporto con il cane, di fare delle attività insieme e delle passeggiate. Se un cane è affezionato a tutti i membri della famiglia sarà più semplice affrontare la perdita di uno dei padroni.

Una nuova routine

In caso di perdita di un caro è il quotidiano di tutti che ne risente, è quindi necessario, all’essere umano e al cane, di concedersi del tempo per ritrovare routine e equilibrio. Un cane si adatta facilmente, ma è anche empatico nei confronti del padrone, per questo in caso di sofferenza del suo nuovo (o vecchio) umano può cambiare comportamento. Se questo dovesse avvenire è possibile rivolgersi ad un educatore cinofilo professionista in modo che Fido possa ritrovare l’equilibrio perduto.

Perdere una persona cara non è mai facile e tutte le situazioni sono delicate e differenti. In tutti casi, esattamente come per l’uomo, anche per Fido il tempo è un prezioso alleato per accettare la morte dell’essere che gli è più caro al mondo.